menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasce l’osservatorio civico ambientale su Litorale Domitio e Regi Lagni

L'iniziativa della Provincia di Caserta con le associazioni territoriali a difesa dell'ambiente

“Oggi è una giornata storica – ha precisato il presidente della provincia di Caserta, Giorgio Magliocca – perché abbiamo messo insieme le tante associazioni del territorio che si occupano dell’ambiente, per dare voce e poter sensibilizzare più efficacemente i cittadini sulle problematiche ambientali". Con queste parole il presidente della Provincia di Caserta Giorgio Magliocca ha 'battezzato' la nascista dell'Osservatorio Civico Ambientale Litorale Domizio e Regi Lagni.

"Abbiamo creato una struttura stabile della Provincia di Caserta - ha spiegato Magliocca - che perseguirà, con una serie di azioni concrete, obiettivi di natura sociale a partire dalla conoscenza delle precise condizioni ambientali dei luoghi interessati. Abbiamo ereditato dai nostri padri un territorio bellissimo – ha concluso – un vero e proprio spettacolo della natura, che tutti, in Italia e nel mondo, ci invidiano ma che noi, purtroppo, continuiamo ancora ad offendere ed a deturpare invece che proteggere e preservarne la bellezza, la salubrità dei luoghi. Ecco, è ora di provare a dare un forte scossone, un segnale chiaro per invertire la rotta”.

In tale spirito, si è insediata questa nuova struttura, denominata “Osservatorio Civico Ambientale Litorale Domitio e Regi Lagni”, organismo di supporto tecnico scientifico e giuridico dell’Ente, in materia ambientale, con particolare riferimento al ciclo delle acque e dei rifiuti. L’Osservatorio si prefigge, infatti, tra l’altro, di monitorare i beni comuni ambientali di Carditello, dei Regi Lagni e della fascia costiera del Litorale Domizio, incoraggiando nel contempo la partecipazione attiva di quelle collettività alle scelte strategiche di competenza dei livelli di governo locale, regionale e nazionale; metterà in atto tutte le iniziative utili a tutelare la salute dei cittadini, la salubrità dei luoghi, nonché la promozione della difesa della legalità, il contrasto degli sprechi e della corruzione, la difesa degli utenti dei servizi e dei consumatori del territorio, con l’obiettivo finale di valorizzare l’ambiente e quindi il territorio.

Il presidente dell’Osservatorio è l’architetto Antonio Cecoro, presidente dell’Assobalneari Campania, componenti sono il professore Stefano Tonziello dell’ACU, Associazione Consumatori Utenti, Raffaele Zito, in rappresentanza di Agenda 21 Carditello e Regi Lagni, Vincenzo Tosti di Rete Cittadinanza e Comunità, Raffaele Cacciapuoti, Associazione Anima e Core, Francesco Della Corte dell’Associazione Fare Ambiente Campania, Antonio Pascale dell’Associazione Legambiente Campania, Alessandro Gatto, Associazione WWF Campania. A questo primo gruppo si sono già aggiunti rappresentanti dell’Associazione Ambiente e Sicurezza, Nicola Ferrara, l’Associazione Medici per l’Ambiente, Gaetano Rivezzi, la Confagricoltura Caserta, Tommaso Picone.

Da un punto di vista operativo, i partecipanti già si sono dati sostanzialmente tre obiettivi: organizzazione di un convegno, in programma per Giovedì 16 Maggio, nel quale saranno prospettate le prime linee di sviluppo delle prossime attività; allargamento della base dell’Osservatorio ad altre Associazioni, Enti pubblici o privati che volessero dare il proprio contributo; iniziare a strutturare operativamente i diversi ambiti delle problematiche ambientali del territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Attualità

Il Comune installa gli autovelox. “Troppi incidenti”

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento