menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente del consiglio comunale Ludovico Prezioso

Il presidente del consiglio comunale Ludovico Prezioso

Sei consiglieri firmano mozione di sfiducia al presidente del Consiglio

"Convocazioni illegittime" e non solo. I 5 Stelle: "Maggioranza spaccata"

Sei consiglieri comunali hanno firmato la mozione di sfiducia nei confronti del presidente del consiglio comunale di Capua Ludovico Prezioso. A sottoscrivere l’atto che sarà adesso portato al vaglio del consiglio comunale sono stati Michele Giugno, Luigi Sperino, Salvatore Raimondo, Pietro Caruso, Claudio Di Benedetto e Gianluca Di Agresti.

I 6 consiglieri sottolineano come “le sedute del consiglio comunale svolte a distanza non sono rese pubbliche ai cittadini, che la commissione Trasparenza ha evidenziato già volte l’inattività dell’ufficio di presenza e che il presidente del consiglio comunale non riesce a gestire l’aula consiliare con la necessaria autorevolezza, evidenziano una gestione corrente dei lavori costantemente confusa ed a volte imbarazzante”. Ma quello che viene contestato a Prezioso è anche che “i consiglio dedicati al ‘question time’ non vengono convocati con tempestività e nel rispetto del regolamento; che la Commissione Statuto e Regolamenti non si riunisce dal 24 luglio 2020; che non si è ancora provveduto alla sostituzione del dimissionario presidentedellla commissione Ambiente”. E con se non bastasse vengono evidenziati “profili di illegittimità ed irregolarità nelle convocazioni degli ultimi consigli comunali per la mancata convocazione della conferenza dei capigruppo”.

Una mozione che, per i consiglieri 5 Stelle Roberto Caiazzo e Nunzia Miccolupi, serve solo “nascondere che la maggioranza è divisa”.  “La mozione - affermano ribadisce le medesime motivazioni più volte da noi rappresentate nelle sedi opportune, vale a dire nei diversi Consigli Comunali, nella Commissione Trasparenza e nella segnalazione del 17 dicembre 2020. Se, dunque, lamentavano anche loro tale disagio, per quale motivo sono stati zitti finora? Come mai solo ora l’idea della mozione e non durante il Consiglio Comunale? Non era forse meglio palesare tale situazione nelle sedi opportune quando abbiamo iniziato ad evidenziare il problema? La risposta è semplice! I sei consiglieri di maggioranza con la mozione si sono arrampicati sugli specchi. Vogliono mettere una pezza alle loro assenze in Consiglio che maschera l’unico motivo plausibile la spartizione delle poltrone”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento