Don Peppe Diana sarà ricordato con un monumento al cimitero

Approvato il progetto dell'ampliamento del cimitero, la tomba del parroco sarà posizionata vicino al monumento

Don Peppe Diana, il parroco ucciso dalla camorra

Un monumento in onore di Don Peppe Diana nel cimitero comunale. Il sindaco Renato Natale ha proposto alla giunta (che poi ha approvato) il progetto definitivo relativo all’ampliamento del cimitero comunale con la realizzazione di un monumento in onore della memoria di Don
Peppe Diana. La sorella del parroco ucciso dalla camorra, Marisa Diana, ha anche chiesto di essere assegnato alla famiglia Diana un lotto per la costruzione di una cappella gentilizia. In pratica un lotto di terreno prospiciente al previsto monumento, al fine di poter delocalizzare la tomba di don Peppe in prossimità dello stesso.

Natale ha sottolineato che “la tomba di Don Peppe Diana costituisce una meta di quotidiane visite durante tutto il periodo dell’anno da parte di singole persone, scolaresche e gruppi scout ed associativi provenienti da ogni parte d’Italia - ha detto il primo cittadino - e quindi è opportuno poterla delocalizzare in prossimità del monumento in modo da costituire un elemento di valorizzazione del luogo sacro”.

Un provvedimento che sicuramente farà felici coloro che per anni hanno seguito le orme del parroco anticamorra combattendo ogni giorno contro ogni forma di criminalità organizzata in un territorio difficile come quello di Casal di Principe e dell’agro aversano in generale.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Pasticcio zona rossa in Campania, oggi arriva la nuova classificazione

  • La Campania 'promossa' in zona arancione: riaprono i negozi per lo shopping di Natale

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

Torna su
CasertaNews è in caricamento