rotate-mobile
Attualità Aversa

Tre nuove aule per il tribunale di Napoli Nord. Il ministro: "Potenziamento è priorità assoluta"

"Troppa differenza con Napoli, al tempo bisognava equilibrare meglio gli organici"

Tre nuove aule per le udienze penali al tribunale di Napoli Nord inaugurate nel primo pomeriggio di oggi, 29 novembre. A tagliare il nastro ad Aversa anche il ministro della Giustizia Carlo Nordio, affiancato dalla procuratrice Maria Antonietta Troncone e  il presidente del tribunale, Pierluigi Picardi.

Le aule, situate al piano terra del palazzo di Giustizia di Aversa, sono già pronte, ma saranno presto completate con l’installazione del materiale informatico. Ma per l’attivazione bisognerà attendere l’atteso incremento del personale.Il foro comprende 38 comuni fra le province di Napoli e Caserta, compresi alcuni dei comuni più problematici in termini di criminalità organizzata.

“E' stato fatto un miracolo”

“Una sorta di miracolo, realizzato in appena un mese. Da anni questi locali erano sottoutilizzati. Gran parte del lavoro del ministero della Giustizia è orientato a rendere la giustizia più efficiente. Qui abbiamo dimostrato un esempio di concretezza, dimostrando di poter raggiungere risultati quando si lavora in modo sinergico, come hanno fatto i nostri uffici con il presidente del Tribunale, il Procuratore e l'Ordine degli Avvocati", ha detto di il ministro nel corso dell’inaugurazione.

ministro nordio tribunale napoli nord (1)

“Potenziare i tribunali priorità assoluta del ministero”

Per il personale giudiziario e amministrativo ci vorrà ovviamente più tempo, ma questo è un problema ormai atavico per il tribunale di Napoli Nord, in grosso deficit di personale: “C'è una certa distonia tra il Tribunale di Napoli e quello di Napoli Nord, forse sarebbe stato meglio a suo tempo bilanciare gli organici dei due Tribunali, ma non è stato fatto e oggi possiamo solo potenziare questa realtà”, commenta Nordio.

“Per il Ministero – spiega - è una priorità assoluta potenziare gli organici dei tribunali, e stiamo lavorando con il Csm. Ma è ormai difficile estrarre magistrati da altri posti, perché si solleva un vespaio. Possiamo assumere solo con concorso e oggi ce n'è uno aperto per 400 posti, un altro sarà fatto a breve. Anche la tecnologia telematica aiuterà. Sappiamo benissimo quale siano le condizioni, il problema è che c’è una burocrazia eccessiva. Le procedure vanno semplificate e snellite. E spesso è anche una questione di carenze di risorse, anche se penso che oggi ci siano".

Fratelli d’Italia ha partecipato con i massimi esponenti del Partito provinciale in segno di rappresentanza del proficuo impegno per la Giustizia in provincia di Caserta, in particolare del Presidente Provinciale On. Gimmi Cangiano, dei parlamentari Sen. Giovanna Petrenga e On. Marco Cerreto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre nuove aule per il tribunale di Napoli Nord. Il ministro: "Potenziamento è priorità assoluta"

CasertaNews è in caricamento