Mercato aperto solo ai beni di prima necessità e controlli all'ingresso

Le disposizioni del commissario prefettizio dopo l'aumento dei contagi

Il commissario prefettizio Andrea Cantadori

Area mercato delimitata e prossima sanificazione del territorio utilizzando sali quaternari. Sono queste le prime disposizioni del commissario prefettizio Andrea Cantadori insediatosi da pochi giorni negli uffici del Comune di Sessa Aurunca dopo la caduta dell'amministratore di Silvio Sasso.

Dopo la registrazione in tutto il territorio aurunco di ben 150 casi di positività al Covid-19, le misure volte al contenimento della diffusione epidemiologica in atto si sono rese necessarie. La fiera settimanale del giovedì secondo quanto previsto dal commissario Cantadori prevederà delle aree delimitate in corso di individuazione ad opera del comando della polizi municipale di Sessa Aurunca e potranno esser venduti generi alimentari e beni di prima necessità.

Le aree interessate dalla delimitatazione sono Piazza XX Settembre e Piazza Tibero. Verranno impiegati 6 operatori della polizia municipale ed il percorso sarà transennato. L'accesso degli avventori presso i vari banchi sarà consentito previa rivelazione della temperatura corporea dagli stessi agenti della polizia municipale ed in supporto dalla Protezione Civile. Misure doverose in vista della preoccupante impennata dei contagi nel Comune aurunco.

Nelle prossime ore verrà stilato un elenco degli esercenti partecipanti alla fiera settimanale con il relativo avviso per gli 'esclusi'. A partire dai prossimi giorni partirà il processo di sanificazione del centro cittadino aurunco e dei borghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento