menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, genitori sul piede di guerra per la mensa: "Piatti usa e getta o sospendiamo il servizio"

La richiesta in una lettera al sindaco: "Pericolo assembramenti con 60 alunni per turno"

Garantire il servizio ‘usa e getta’ per il pranzo in mensa o sospendere il servizio. E’ quanto hanno chiesto, in una lettera inviata al sindaco di Aversa Alfonso Golia, i rappresentanti dei genitori della scuola Cimarosa. I quali sono preoccupati per i contatti che si possono avere in classe durante lo scollamento dei piatti ed anche per la presenza di circa 60 bambini per turno a pranzo.

“Il rischio di contagio da Covid-19 aumenterebbe, sicuramente, in occasione dello svolgimento delle attività di mensa scolastica, a causa dell’assembramento determinato dalla contemporanea presenza di circa 60 alunni per ogni turno, oltre che del personale della ditta di refezione scolastica, docenti e collaboratori scolastici” scrivono nella lettera. “Verrebbero, di fatto, a crearsi quelle stesse condizioni che si vogliono evitare, tenendo chiuse le attività esercenti il servizio di ristorazione. Non v’è dubbio alcuno, infatti, che si verificherebbe quel ‘contatto stretto’, che le norme di prevenzione, emanate da Stato e Regione, vuole impedire”.

Per questo motivo chiedono la modifica del servizio di scollamento o la sospensione del servizio mensa che “non solo non pregiudicherebbe la normale ripresa dell’attività didattica in presenza ma contribuirebbe, nel contempo, a limitare le occasioni di contagio, garantendo quelle condizioni per tenere aperte, quanto più possibile, le scuole stesse”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento