La Notte Bianca finisce a colpi di denunce. "Molti sponsor non hanno pagato"

Il coordinatore dell'evento annuncia azioni legali

Gianpiero Menditto, coordinatore della Notte Bianca

A distanza di 90 giorni dall’evento "Notte Bianca" di Caserta, molti sponsor non hanno ancora versato la somma pattuita con l’organizzazione per finanziare la manifestazione. A denunciarlo è il coordinatore della manifestazione Gianpiero Menditto, che ci tiene a sottolineare come, nonostante l'evento sia stato un successo, ad oggi vi sono alcuni problemi irrisolti. "Infatti - dichiara l'avvocato - ad oggi molti sponsor non hanno pagato il dovuto nonostante la sottoscrizione di contratti, costringendo i promotori, ed in particolare la BSS Animation, ad anticipare con propri fondi le spese dello evento e ad oggi manca il pagamento di soli due addetti ai lavori. Tuttavia - continua l'avvocato - vi sono stati disservizi anche di alcune ditte coinvolte nello evento stesso oppure ditte percepimenti i compensi senza i rilasci di fattura richiesta. Per tali motivi lo studio legale Menditto&partner adirà le vie legali per garantire il recupero delle somme anticipate dai promotori e soprattutto per far rispettare i contratti per consentire il saldo agli ultimi addetti ai lavori così come altresì verranno avviati contenziosi nei confronti di coloro che hanno lavorato in malo modo. Oltre ai tanti elogi sono state dette maldicenze non veritiere tuttavia è inevitabile quando si riesce a pianificare ed organizzare un evento di successo come il format Notte Bianca".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento