rotate-mobile
Attualità

L’Asl a caccia di medici per l’emergenza: ne mancano 69

Russo firma la delibera per i nuovi incarichi. Costeranno quasi 3 milioni

L’Asl di Caserta si muove per cercare di coprire i buchi presenti nel sistema di emergenza-urgenza territoriale 118.

E’ quanto emerge dalla delibera 634 del 26 aprile scorso firmata dal direttore generale Ferdinando Russo avviando la ricerca di medici per gli incarichi vacanti di emergenza territoriale.

Dagli atti dell’Asl emerge che la dotazione organica necessaria al funzionamento del servizio 118 della provincia di Caserta è pari a 144 unità di dirigenti medici, di cui 138 per le postazioni Saut, Psaut e Centrale operativa, e 6 per l’ambulanza rianimativa 118.

Attualmente però c’è una carenza di organico di 69 unità per le Saut, Psaut e Centrale Operativa: 11 a Caserta, 6 a San Felice a Cancello, 4 a Maddaloni, 5 a Teano, 4 a Caianello, 3 a Sessa Aurunca, 1 a Piedimonte Matese, 1 a Caiazzo, 2 a Marcianise, 6 ad Aversa, 1 a Succivo, 2 a Trentola Ducenta, 3 a San Cipriano, 2 a Curti, 5 a Capua, 4 a Sparanise, 3 a Castel Volturno e 6 a Mondragone.

I candidati per partecipare dovranno presentare la domanda all’Asl entro 20 giorni dalla pubblicazione dell’avviso sul Burc. La spesa prevista per gli incarichi è di circa 2,9 milioni di euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’Asl a caccia di medici per l’emergenza: ne mancano 69

CasertaNews è in caricamento