Attualità

Cittadini senza medico di base, Del Gaudio furioso

Il candidato sindaco sferra l'attacco contro Marino: "Avrebbe dovuto esercitare la sua funzione di massima autorità sanitaria per impedire che i pensionamenti andassero a causare tanti disagi"

"In una fase delicata come quella che stiamo vivendo, con la pandemia che rappresenta una spada di Damocle sulle nostre teste, è impensabile che le famiglie si possano ritrovare senza medico di base. Il sindaco di Caserta avrebbe dovuto esercitare la sua funzione di massima autorità sanitaria per impedire che i pensionamenti di tanti professionisti andassero a causare tanti disagi ai cittadini casertani come quelli che stiamo vivendo da qualche mese a questa parte". Lo dichiara il candidato sindaco del polo civico Città Futura Pio Del Gaudio.

"E’ grave che non sia intervenuto per tempo sull’Asl per fare in modo che i medici di base che cessano la loro attività vengano sostituiti con altri colleghi senza creare pericolosi vuoti - aggiunge - I medici, oltre che sul piano delle cure, hanno avuto in questi mesi anche una delicata funzione di sostegno alle famiglie, rappresentando riferimenti e supporti per i più anziani spesso spaventati dal virus. La medicina di base, inoltre, rappresenta un primo filtro degli ospedali che non possono essere lasciati sguarniti".

"Questa situazione certifica come, oggi, solo cittadini liberi e svincolati da logiche come noi possono amministrare la città. Non abbiamo paura di fare la voce grossa con il governatore De Luca se questo vuol dire tutelare gli interessi dei nostri cittadini", conclude Pio Del Gaudio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cittadini senza medico di base, Del Gaudio furioso

CasertaNews è in caricamento