menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le mazze di Sant'Eufemia

Le mazze di Sant'Eufemia

Le "mazze di Sant'Eufemia" patrimonio immateriale della Regione

L'asta per aggiudicarsi un posto sotto la statua della Patrona premiata grazie al lavoro della Proloco

La Pro Loco “S. Eufemia”, il Comune di Carinaro e la Parrocchia S. Eufemia tutti uniti per celebrare l’iscrizione delle “Mazze di Sant’Eufemia” nell’inventario del Patrimonio Culturale Immateriale della Campania. L’incontro, promosso dalla Pro Loco per condividere con la cittadinanza l’importante traguardo raggiunto, è per lunedì 30 dicembre, alle 18.30, nella sala consiliare del Comune di Carinaro.

Molto significativo sarà che a tutti sarà donato un opuscolo informativo sulla narrazione dell’evento “Mazze” a cura del sodalizio carinarese. All’incontro saranno presenti e interverranno il sindaco di Carinaro Nicola Affinito, il parroco don Antonio Lucariello, l’assessore alla Cultura, Alfonso Bracciano, il presidente della Pro Loco, Raffaele Compagnone, e il vicepresidente Giuseppe Barbato. È utile ricordare che l’avvenuta inclusione nel patrimonio culturale immateriale della Campania (ICIC) è avvenuta lo scorso 7 ottobre con decreto dirigenziale numero 205 da parte della giunta regionale della Campania proprio grazie all’interessamento della Pro Loco.

La “Gara delle Mazze” è una sorta di asta pubblica che viene svolta durante i festeggiamenti patronali a Carinaro. Il miglior offerente si aggiudica “le Mazze di Sant’Eufemia”, ossia il diritto ad accompagnare a spalla la statua della santa nel tragitto intercorrente fra la piazza e la chiesa. E’ uno dei momenti più rilevanti della festività e sentiti dai fedeli carinaresi, insieme alla processione, al triduo e alla novena in onore della martire. "Un risultato che si aggiunge a tutte le attività poste in essere durante tutti questi anni dall’associazione turistico-culturale carinarese - dichiara Raffaele Compagnone, presidente della Pro Loco Carinarese - tra cui: la rassegna delle 4 stagioni svoltasi nella Reggia di Carditello, la fondazione e partecipazione del Consorzio Turistico delle Pro Loco dell’Agro Aversano, le varie manifestazioni che si svolgono durante tutto l’arco dell’anno, il “Carnevale Carinarese” giunto alla 13esima edizione, le manifestazioni di carattere sociale e culturale come i vari convegni sulla legalità e il dialetto locale, la manifestazione di “Colora la tua città” giunta anch’essa alla 12esima edizione, la settimana della solidarietà che ogni anno vede sempre una partecipazione solida di tanti cittadini culminata con la giornata dell’Ammalato. Carinaro con la nostra Pro Loco - conclude Compagnone - si colloca tra tra le prime comunità della Campania attive sia per le sue numerose attività culturali che per l’attenzione verso il sociale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento