Domenica, 21 Luglio 2024
Attualità Casal di Principe

Istituzioni, chiesa e cittadini perbene insieme nella marcia contro la camorra

Il corteo sarà guidato dal vescovo Spinillo e saranno presenti sacerdoti, amministratori, politici per dire "no" agli spari e agli atti di violenza e di intimidazione

Si prevede una massiccia partecipazione alla marcia contro la camorra organizzata per domani (17 giugno) a partire dalle ore 20 e che riguarderà i comuni di Casal di Principe, Casapesenna e San Cipriano d'Aversa. Una marcia per protestare contro chi pensa che con gli atti di violenza si possa ancora ottenere il controllo della popolazione.

Il corteo prenderà il via da piazza Petrillo, a Casapesenna, quindi attraverserà San Cipriano d'Aversa per poi giungere a Casal di Principe, in piazza Mercato che a poche ore dall'apertura dei seggi fu teatro dell'incursione di ignoti che esplosero in aria alcuni colpi d'arma da fuoco. Un atto immediatamente contestato da istituzioni e opinione pubblica e che domani troverà l'ennesima dimostrazione di come il popolo di quella che una volta era Albanova.

All'evento saranno presenti il vescovo della Diocesi di Aversa Angelo Spinillo, i parroci, le istituzioni, nonché i cittadini perbene al grido "Noi non vi vogliamo. Gli spari, gli atti di violenza di questi giorni ci allarmano ma non ci intimidiscono. Diciamo no a chi vorrebbe farci tornare indietro".

Sarà presente anche il presidente della Provincia Giorgio Magliocca: "Ci sarò anche io, lunedì sera, alla marcia contro la camorra. Attraverseremo le strade di Casapesenna, San Cipriano d'Aversa e Casal di Principe per ribadire la nostra dura condanna degli episodi di violenza delle ultime settimane. Lo ripeto, non torneremo indietro di decenni, nessuno potrà intimorirci. Ci sarò come cittadino e come presidente della Provincia, a rappresentare tutte le persone perbene di Terra di Lavoro. Ci saranno le Istituzioni del territorio, i Comuni, la Provincia, le forze dell’ordine, ci sarà la Chiesa, con i sacerdoti della Forania di Casal di Principe ed il vescovo della Diocesi di Aversa. Tutti insieme per dire 'Noi non vi vogliamo', per continuare il percorso di legalità e rinascita avviato da Don Peppe Diana e che mai si fermerà".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Istituzioni, chiesa e cittadini perbene insieme nella marcia contro la camorra
CasertaNews è in caricamento