Terra dei fuochi, l’amarezza di ‘Noi Aversani’: “Le manifestazioni non bastano”

Terra dei fuochi, l’amarezza di ‘Noi Aversani’: “La manifestazioni non bastano”

“Siamo solidali con chi ha manifestato, in diverse occasioni di recente, contro la situazione disastrosa provocata dai continui roghi, ma ci demoralizza e ci preoccupa il fatto che le stesse manifestazioni si ripetono periodicamente da oltre venti anni a questa parte senza che nulla sia cambiato, anzi la situazione è senz’altro peggiorata”.

A rendere l’amara constatazione sono gli esponenti del movimento “Noi Aversani”, che ha in Francesco Sagliocco il proprio rappresentante in seno al consiglio comunale di Aversa.

“Pur nella piena convinzione – affermano gli esponenti di Noi Aversani – dell’utilità di qualsiasi forma di manifestazione che possa smuovere l’opinione pubblica e quindi favorire e accelerare interventi risolutivi da parte delle Istituzioni competenti, riteniamo che sia giunto il momento di chiedere con maggiore forza azioni incisive che portino a debellare il problema dei roghi e tutti quelli ad esso connessi. Le sole manifestazione, sebbene partecipate e condivise trasversalmente dalle forze politiche territoriali, riteniamo non siano sufficienti a creare le condizioni affinché si intervenga risolutivamente”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ci sembra di assistere a scene già viste venti anni fa - spiegano dal movimento - che portarono alla redazione della “Mappa della Vergogna” (una carta su cui era indicata la presenza di discariche e di siti inquinati) e che culminarono anche in una dettagliata denuncia alla Procura della Repubblica ma che purtroppo non sortirono alcun effetto pratico, tant’è che ad oggi si continua a morire di malattie neoplastiche, di leucemia e di altre patologie che hanno a che fare con inquinamento e degrado ambientale. Non vorremo trovarci, tra altri vent’anni ancora a protestare contro i fenomeni di oggi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio nel cuore di Caserta: uccide la mamma poi si costituisce

  • Sorpreso con la motosega nel bosco, sequestrati 40 quintali di legna | FOTO

  • L'omicidio del corso: Rubina uccisa dal figlio a coltellate nella notte

  • Sparatoria alla Bnl, fermata la banda di rapinatori

  • Cena finisce in tragedia: uccide l’amico con una coltellata al petto

  • Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

Torna su
CasertaNews è in caricamento