menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il capogruppo dell'opposizione Michele Ruggieri

Il capogruppo dell'opposizione Michele Ruggieri

"I soldi delle luminarie di Natale per uno screening anti Covid"

La richiesta dei consiglieri di opposizione al sindaco Giaquinto

Subito uno screening di massa della popolazione caiatina per accertare se vi siano altri positivi e, quindi, frenare il diffondersi del contagio da coronavirus. È la proposta avanzata dal gruppo consiliare di Caiazzo Bene Comune che ha chiesto formalmente al sindaco Stefano Giaquinto, agli assessori ed ai consiglieri di maggioranza di stanziare le somme occorrenti ad una indagine epidemiologica sull’intera popolazione caiatina.

“È ormai nota a tutti, purtroppo, la grave difficoltà sanitaria che la nostra Nazione sta vivendo a causa della pandemia che ha colpito tutto il pianeta. Molti Paesi europei e non, stanno affrontando con azioni più efficaci il dilagarsi del virus e, con misure più concrete la conseguente crisi economica dovuta ai vari lockdown. Consapevoli della difficoltà che gli Enti locali possano avere per gestire una simile situazione e, coscienti del fatto che l’aspetto sanitario è di competenza della Regione Campania, siamo però altrettanto convinti che il Comune di Caiazzo, nell’interesse della salute dei propri cittadini, possa intraprendere, anche sulla falsariga di quanto ci capita di vedere in altri Comuni limitrofi, azioni per uno screening di massa”, spiegano i consiglieri di minoranza Michele Ruggieri, Marilena Mone e Mauro Carmine Della Rocca.

“Considerato che le scuole sono state chiuse e che la mensa ed il trasporto non hanno gravato, anche se solo per una parte, sul bilancio comunale, e che nonostante siamo a ridosso delle festività natalizie, riteniamo inopportuno investire le stesse somme dello scorso anno (circa 7500 euro) per le luminarie, data l’incertezza di una completa apertura in tale periodo. Ecco perché chiediamo al sindaco, alla giunta e tutti i consiglieri comunali, di prendere in considerazione la possibilità di reperire dei fondi, integrandoli con le indennità di carica e i gettoni di presenza relativi alle mensilità di novembre e dicembre dei componenti il consiglio comunale, per effettuare uno screening di massa tra i cittadini di Caiazzo”, dichiara il gruppo di opposizione che così dimostra la sostenibilità economica e finanziaria dell’iniziativa a salvaguardia della salute della popolazione locale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    I Casalesi conquistano anche la Toscana: 34 arresti

  • Cronaca

    Il Covid fa un'altra vittima: muore ex vigile urbano

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento