Logo della Reggia, Sgambato scrive al Mibact: "Cittadini preoccupati"

L'ex deputata e componente della segreteria nazionale interviene sulla questione del monogramma

Camilla Sgambato

"Il ministero si attiverà prontamente per una riflessione". E' quanto annuncia l'ex deputata Camilla Sgambato che ha inoltrato, insieme a Nicola Oddati (delegato alla cultura nella segreteria nazionale del Pd), una nota al Mibact per evidenziare criticità e perplessità, sollevate quasi unanimemente dall’opinione pubblica casertana, sul cambio di logo della Reggia di Caserta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non sta a noi entrare nel merito della scelta, ma le tante preoccupazioni raccolte nella comunità casertana ci sollecitano qualche riflessione - fa sapere Sgambato - Il logo precedente, iconico, racchiudeva il segno e il senso di una Reggia, quello scelto adesso viceversa è un monogramma, usato a più riprese in varie comunicazioni. Eravamo abituati al fatto che il logo della Reggia fosse la sua planimetria, vista dall’alto, come a volo d’uccello, elaborato dal grafico casertano Alberto Grant. Una buona soluzione per riconoscere il Palazzo. Un segno identitario. Non replicabile. Unico. I casertani - prosegue - temono che un logo scelto per il rilancio dell’immagine possa, invece, ottenere l’effetto contrario, cioè acuire il già difficile momento che la Reggia già sembra attraversare. Diminuiscono i numeri dei visitatori (845mila nel 2018, 728mila nel 2019), ma non è colpa del coronavirus; niente più eventi, annullati quelli programmati da Felicori, rescissi i contratti tenuti in standby quando era direttore protempore Lampis. Così, temono i casertani, lentamente muore, dopo tre anni di rinascita, un bene di inestimabile valore che ancora oggi vive del lavoro fatto da Mauro Felicori. Cui prodest?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento