menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Niente contratto al dipendente, Comune condannato

L'Ente ha fatto appello alla sentenza del Giudice del Lavoro del tribunale di Santa Maria Capua Vetere

Condannato il Comune di Casaluce al pagamento di oltre 55mila euro con una sentenza del Tribunale di Napoli Nord. Il Giudice del Lavoro ha dichiarato "l'inadempimento all'obbligo di assunzione" di un dipendente e quindi ha condannato l'Ente alla corresponsione, da parte del Comune convenuto, della somma di 55.359,28 euro, come calcolata alla data del 20 giugno 2019 (data in cui è cessato l’inadempimento). Ma il sindaco Antonio Tatone e il dirigente comunale non ci stanno e quindi hanno deciso di fare appello alla sentenza "chiedendone la sospensione degli effetti".

Per l'ufficio legale del Comune "in materia di impiego pubblico contrattualizzato, in caso di tardiva assunzione dovuta a provvedimento illegittimo della Pubblica amministrazione, non sussiste il diritto del lavoratore al pagamento delle retribuzioni relative al periodo di mancato impiego che non siano state riconosciute nei successivi atti di assunzione, in quanto tali voci presuppongono l'avvenuto perfezionamento del rapporto di lavoro". Così l'Ente ha fatto appello col sindaco che ha conferito mandato speciale alle liti all’avvocato Angelo Caputo che avrà 3mila euro per onorari, ai quali si aggiungono le spese per l'Ente per Iva, spese e cassa previdenziali per 1.138,50 euro e 32 euro per valori bollati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento