menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aperto il cantiere per il restauro della torre del castello medioevale | FOTO

La Mastio Restauri srl ha avviato la messa in sicurezza dell'area

Partiti i lavori per la messa in sicurezza ed il restauro conservativo della torre del castello medioevale di Alife che da anni in precarie condizioni statiche. Nei giorni scorsi, la ditta affidataria, la Mastio Restauri srl, sotto la sorveglianza dei funzionari responsabili per il territorio di Alife, Antonietta Manco, Diletta Menghinello e Luciano Rendina, e la direzione del RUP Gennaro Leva, alla presenza del sindaco Maria Luisa Di Tommaso e dell’assessore al Patrimonio Artistico Annamaria Morelli, ha avviato le opere di messa in sicurezza del torrione meridionale sud-est della Rocca Alifana.

L'intervento, più volte caldeggiato dall’attuale amministrazione comunale, è stato fortemente voluto dal Soprintendente all’Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento, Mario Pagano, che, proprio nella visita al patrimonio archeologico alifano dello scorso febbraio, aveva promesso al sindaco Di Tommaso e all’assessora Morelli il suo impegno per risolvere anche il problema della precaria condizione in cui versava da tempo la torre medioevale.

torre medievale castello di alife 2-2

In meno di sei mesi, grazie alla proficua collaborazione con il Comune, quella promessa è divenuta realtà atteso che la Soprintendenza ha provveduto alla progettazione e all'appalto delle opere necessarie alla messa in sicurezza e da qualche giorno sono cominciati i lavori. “Il dialogo continuo tra la nostra Amministrazione comunale e la Soprintendenza all’Archeologia, nella persona del Soprintendente Mario Pagano e dei suoi funzionari, ha fatto sì che, nel giro di qualche mese, fossero progettati, affidati ed avviati i lavori di messa in sicurezza del Torrione del nostro Castello - dichiarano in una nota il sindaco Di Tommaso e l’assessora Morelli - Una interlocuzione fattiva che ha dato vita ad una collaborazione concreta tra le nostre Istituzioni per riaccendere l’attenzione giusta sui nostri siti archeologici e riportare gli stessi ad una pubblica fruibilità a fini turistici che non potrà che apportare notevoli benefici all’economia locale, oltre che alla doverosa conservazione dei beni culturali interessati dagli interventi di restauro. La nostra Amministrazione, del resto, ha sempre lavorato per sviluppare sinergie finalizzate alla salvaguardia e alla valorizzazione del meraviglioso patrimonio storico artistico di Alife, in tal modo i cittadini potranno presto cominciare a vivere quella stagione di rinnovamento e rinascita culturale in cui tanto tutti speriamo. In tale ottica, abbiamo provveduto alla progettazione del rifacimento della pavimentazione del criptoportico romano e, presto, procederemo ad appaltare le opere di questo secondo intervento indispensabile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Troppi contagi, il sindaco non si fida: "Le scuole restano chiuse"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    "Cirillo arrestato. Ora mio padre può riposare in pace"

  • Cronaca

    Nove vittime del virus nel casertano, 150 nuovi positivi

  • Cronaca

    La carcassa di un capodoglio sulla spiaggia casertana | FOTO

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Caterina Balivo torna in tv su Rai 1

  • social

    Blue Monday 2021, oggi è il giorno più triste dell'anno

Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento