Giovedì, 29 Luglio 2021
Attualità

Lavori a scuola, giallo sui condizionatori smontati: 4 consiglieri chiedono chiarimenti

Presentata interrogazione al sindaco Petrella dall'opposizione

I lavori alla scuola di Grazzanise

Con una nota protocollata in Comune l’opposizione consiliare di Grazzanise si scaglia contro l’amministrazione guidata dal sindaco Petrella per i lavori posti in essere per porre rimedio a problematiche che da decenni affliggono i plessi scolastici del paese mazzonaro.

In questi giorni sono stati completati i lavori per la scala antincendio al plesso scolastico della frazione Brezza progettati, e finanziati, dall’allora sindaco Vito Gravante e sono iniziati i lavori di rifacimento della “copertura” dell’edificio scolastico per evitare future infiltrazioni d’acqua dal tetto. I cittadini notano che dopo tanto tempo l’amministrazione agisce in un periodo in cui le attività didattiche sono ferme al fine di non provocare, agli alunni e alle famiglie, futuri disagi ad anno scolastico in corso.

Nella loro nota, inviata per conoscenza anche al Prefetto, i consiglieri il capogruppo di Orizzonti Futuri Martino Conte, Antonella Caianiello, Federico Conte e Giovanna Scione chiedono di conoscere l’impegno di spesa per i lavori, l’utilità degli stessi e se i lavori siano stati legittimamente programmati. Si chiede inoltre “di valutare se permangono le agibilità dei locali ad oggi privi di impianto di condizionamento, condizione necessaria affinché gli alunni vivando condizioni di confort adeguate all’uso dei locali alla prossima imminente apertura dell’anno scolastico”. E quindi, richiamando nella nota il fatto che sono stati smontati tre condizionatori della scuola, scrivono: “Caro sindaco , per l’ennesima volta, non ha avuto rispetto per i bambini, lasciandoli al freddo ed al caldo, dato che un impianto di condizionamento è stato montato nella Sua stanza presso la casa comunale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori a scuola, giallo sui condizionatori smontati: 4 consiglieri chiedono chiarimenti

CasertaNews è in caricamento