Giovedì, 29 Luglio 2021
Attualità

Lavori nel rione per il 5G, i consiglieri chiedono lumi al Comune

Cresce la preoccupazione tra i residenti, la minoranza consiliare vuole vederci chiaro

“Vogliamo sapere solo se è stata presentata la pratica presso gli uffici preposti del comune di San Marcellino per l’installazione di antenne 5G, ma, come al solito, ci giunge solo un tordo silenzio”. A parlare sono i consiglieri comunali di opposizione Angelo Sagliano, Elvira Nugnes, Luigi De Cristofaro e Francesco Dongiacomo, che, in una nota stampa, hanno sollevato la questione inerente la nuova tecnologia che si basa su microonde e radiofrequenze più elevate rispetto agli standard finora utilizzati.

“Per noi è importante tutelare la salute dei cittadini. Non chiediamo atti, ma solo una semplice risposta al nostro quesito”. E’ quanto hanno detto i componenti della minoranza che hanno raccolto, in piena pandemia da Covid-19, numerose segnalazioni giunte da parte dei residenti del rione “Campo Mauro”. Le loro domande erano legate alla presenza di operai al lavoro per l’installazione di nuovi apparati telefonici presso l’impianto di telefonia sito nel quartiere. Per tale motivo, i consiglieri hanno sottoscritto, lo scorso 13 aprile un documento posto all’attenzione del responsabile dell’Area Tecnica e del responsabile del Suap.

“La materia - si legge nel documento - è normata da leggi nazionali e regionali tra le più restrittive d’Europa. Il Comune di San Marcellino, inoltre, ha un proprio regolamento, ormai obsoleto, approvato con delibera di consiglio comunale numero 6 del 30 marzo 2001. Dopo quasi vent’anni è necessario mettere mano ad un vero e proprio piano comunale per la localizzazione delle stazioni radio e ad un nuovo testo. La preoccupazione dei cittadini è legata alla vicinanza alle abitazioni, al potenziale inquinamento elettromagnetico che ne deriverebbe ed alla garanzia del rispetto dei limiti imposti dalla legge. Ogni sanmarcellinese intende vederci chiaro. In molti sono preoccupati, soprattutto per la mancanza di trasparenza dell’operazione. Mentre, da un lato, si era costretti a stare in casa per l’emergenza sanitaria con il più dei cantieri fermi, dall’altro i lavori legati alla telefonia proseguivano. C’è da aggiungere, comunque, che, secondo i vari comitati scientifici, la tecnologia 5G porterebbe ad un calo dell’inquinamento elettromagnetico: è giusto ricordare che la maggiore esposizione a campi elettromagnetici nei sistemi radiomobili deriva, ad oggi, dal cellulare all’orecchio e non dalle antenne che si vedono sui tetti o per strada”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori nel rione per il 5G, i consiglieri chiedono lumi al Comune

CasertaNews è in caricamento