Lavoratori dell'ospedale a rischio licenziamento, in 200 scioperano per 6 ore

Chiesti concorsi con la riserva del 50%, adeguata premialità e il rinnovo dei contratti in scadenza il 31 gennaio

Lo sciopero indetto dalla Felsa Cisl di Caserta

Si è tenuta questa mattina la manifestazione dei 200 lavoratori somministrati dell'Azienda ospedaliera di Caserta a rischio licenziamento. Lo sciopero di sei ore dalle 8 alle 14 indetto dalla Felsa Cisl Caserta è partito in corteo dall'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano fino a giungere in presidio dinanzi la Prefettura.

I lavoratori chiedono concorsi con la riserva del 50%, adeguata premialità e rinnovo dei contratti nelle more delle procedure concorsuali. Presenti insieme ai lavoratori il segretario Felsa Cisl Caserta Angelo Iodice Magliacano, il segretario generale Ust Cisl Giovanni Letizia, il segretario provinciale Cisl Nicola Cristiani e in termini di supporto solidale il segretario generale Cisl Fp Caserta Franco Della Rocca.

sciopero ospedale cisl prefettura-2

All'incontro si è aggiunto il consigliere regionale Gianpiero Zinzi, salito in Prefettura con i lavoratori, ha chiesto un tavolo tecnico con i vertici dell'Azienda e della Regione. In effetti, a parte l'intervento del sindaco di Caserta Carlo Marino, c'è un inspiegabile silenzio istituzionale sulle sorti di questi 200 lavoratori e sul blocco di questo concorso indispensabile alla stabilizzazione dei precari.

"Ho chiesto in Prefettura la convocazione di un tavolo tra le parti, nella speranza che un nuovo tentativo di conciliazione porti ad una soluzione della situazione in cui versano i 200 lavoratori - ha dichiarato il consigliere regionale Gianpiero Zinzi - Nonostante per un decennio abbiano contribuito al mantenimento dei livelli essenziali tra qualche giorno, nel silenzio assordante della Regione Campania, i loro contratti scadranno. Un'emergenza per 200 famiglie casertane e per l'Azienda che dovrà continuare a garantire l'assistenza con personale ridotto. La soluzione potrebbe passare per un percorso concorsuale che dia il giusto valore agli anni di esperienza e di impegno maturati. La politica dia una risposta chiara a queste famiglie”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto il 31 gennaio il contratto dei lavoratori somministrati scadrà e 200 famiglie saranno in mezzo alla strada mentre l'Azienda ospedaliera si troverà con 200 elementi in meno, ad affrontare una crisi non indifferente, considerato che in un decennio questi lavoratori precari hanno permesso all'ospedale di mantenere i Lea e garantire alla popolazione un'assistenza continuativa a costo di grandi sacrifici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Troppi contagi: "Marcianise sarà dichiarata zona rossa"

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

  • Coronavirus, 318 nuovi casi nel casertano: positivo il 20% dei tamponi

  • Muore un altro paziente che aveva contratto il virus nel casertano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento