Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

Jabil, manifestazione a Montecitorio: "Il governo deve partire dalla nostra vertenza"

Il delegato Fim, Pino Scala: "Accordi ministeriali disattesi, il governo non può essere spettatore"

"I lavoratori Jabil non possono accettare che gli impegni sottoscritti in sede ministeriale vengano disattesi. Ciò crea nelle aziende e nei territori condizioni di grandi difficoltà occupazionale sociale ed economica. Il governo non può essere spettatore e da subito occorre che a partire dalla vertenza Jabil di Marcianise, che cuba circa 500 dipendenti, ci sia rispetto degli accordi ministeriali per avere un eccellenza di elettronica e dei prodotti della green economy". Così dalla manifestazione sindacale in corso davanti a Montecitorio sul lavoro, Pino Scala, delegato Fim Jabil, fa il punto sulla vertenza.

"Chiediamo sempre al governo di monitorare e far rispettare gli impegni ministeriali anche delle aziende legate alle reindustrializzazioni Jabil, come Orefice e Softlab, le quali hanno assorbito dalla Jabil circa 300 dipendenti, che al momento stanno disattendendo gli impegni industriali assunti sul territorio", conclude.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jabil, manifestazione a Montecitorio: "Il governo deve partire dalla nostra vertenza"

CasertaNews è in caricamento