Giovedì, 18 Luglio 2024
Attualità Marcianise

La Jabil lascia il mercato italiano e lo stabilimento di Marcianise, rabbia dei sindacati

La Cgil: "Non riteniamo tollerabile che l’ennesima multinazionale, dopo aver acquisito tecnologie e professionalità, abbandoni il nostro territorio, contribuendo in modo decisivo alla desertificazione industriale della provincia di Caserta"

La Jabil lascia il mercato italiano e lo stabilimento di Marcianise, perché “insostenibile nel medio periodo”. A comunicarlo la stessa multinazionele in un incontro al ministero. 

"Non riteniamo che sia tollerabile che l’ennesima multinazionale, dopo aver acquisito tecnologie e professionalità del territorio, abbandoni il nostro territorio, contribuendo in modo decisivo alla desertificazione industriale della provincia di Caserta e della Campania. Né abbiamo trovato convincente la modalità con cui il ministero e Invitalia ci hanno parlato di prospettive di reinsediamento, visti anche i fallimentari precedenti ancora irrisolti. Per questo continueremo a batterci con i laboratori in tutte le sedi, compreso il tavolo di crisi presso la regione Campania, di cui chiediamo l’immediata convocazione, perché non riteniamo accettabile che il nostro territorio sia segnato da un destino di abbandono produttivo in cui gli unici strumenti a nostra disposizione siano ammortizzatori sociali e incentivi a soggetti senza prospettive industriali". Lo dichiarano Raffaele Paudice, della segreteria Cgil Napoli e Campania, e Sonia Oliviero, segretaria generale della Cgil di Caserta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Jabil lascia il mercato italiano e lo stabilimento di Marcianise, rabbia dei sindacati
CasertaNews è in caricamento