Carcere di Arienzo intitolato ad agente ucciso dalla camorra | FOTO

Fu ammazzato 38 anni fa per non aver abbassato la testa di fronte alla criminalità, è il papà dell'ex sindaco di Cesa, Vincenzo

La targa che 'intitola' il carcere di Arienzo

Il carcere di Arienzo è stato intitolato alla memoria di Gennaro De Angelis, agente di Polizia penitenziaria ucciso il 15 ottobre del 1982 per aver detto 'no' alla camorra. De Angelis prestava servizio nel carcere di Poggioreale, era sposato e aveva tre figli (Vincenzo è stato sindaco di Cesa), fu freddato da due sicari a volto coperto, mentre giocava a carte in un circolo ricreativo di Cesa, il piccolo paese dov’era nato. La sua colpa era stata di essere un addetto alla ricezione dei pacchi dei detenuti e di non aver abbassato la testa ai criminali che pretendevano di far entrare armi e altri contenuti illegali.

Il sottosegretario alla Giustizia Vittorio Ferraresi pur non avendo partecipato all’intitolazione presso il carcere di Arienzo “per impegni parlamentari”, ha voluto ricordare in una nota “l’estremo sacricio dell’agente De Angelis che aveva appena 37 anni e ha dato la vita per rimanere fedele al suo mandato e non cedere al ricatto della camorra. In quegli anni a Poggioreale si combattevano guerre sanguinarie tra clan nemici e De Angelis con la sua fermezza ha impedito loschi affari e regolamenti di conti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato il dj Joseph Capriati: il padre arrestato per tentato omicidio

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Joseph Capriati operato in ospedale. Ricostruita la lite in casa col padre

  • Caserta in ansia per Joseph Capriati, il dj più famoso da Ibiza agli Usa

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

Torna su
CasertaNews è in caricamento