rotate-mobile
Attualità San Prisco

L'opposizione al sindaco: "Ridateci la biblioteca"

Interrogazione del gruppo Idee in Movimento

San Prisco non ha più una biblioteca comunale. Il luogo di cultura per eccellenza è stato 'eliminato' durante i lavori di rifacimento della sede comunale che sono stati eseguiti alcuni anni fa e da allora nulla è stato fatto per ripristinare i locali. Su questa grave mancanza è intervenuto il gruppo di minoranza Idee in Movimento, rappresentata in consiglio comunale da Stefano Iannotta e Gaetano Trepiccione, che ha presentato un'interrogazione al sindaco Domenico D'Angelo, alla giunta e all'assessore al ramo.

"Noi consiglieri - hanno riferito Iannotta e Trepiccione - vogliamo ricordare che prima del rifacimento della sede comunale, nello spazio in fondo al cortile della stessa era ubicata la sala della biblioteca. Un’ampia sala, in cui erano catalogate anche le gazzette ufficiali, che tutti gli interessati potevano visionare, fotocopiare, ecc., unitamente al prelievo dei libri, enciclopedie, ecc. che si potevano prendere in prestito. Ora quegli stessi scaffali, trasferiti all’epoca nei locali adiacenti alla palestra di via Cimarosa, sono lì rimasti, ermeticamente chiusi e quindi inutilizzati, anche se patrimonio di tutti i cittadini".

E poi hanno aggiunto: "In questo periodo più di un cittadino, che ha anche piccole biblioteche personali, lasciate anche da parenti ormai defunti, ha espresso il desiderio di poter lasciare alla pubblica utilità questi testi, anche di un secolo fa, ma purtroppo non esiste una biblioteca comunale che possa accogliere tutto questo materiale. Per cui chiediamo al sindaco e all’assessore al ramo quali siano le motivazioni per cui non si possa ripristinare la biblioteca comunale, per la quale sono previsti più fondi con bandi regionali".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'opposizione al sindaco: "Ridateci la biblioteca"

CasertaNews è in caricamento