rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Attualità Caiazzo

L'integrazione attraverso il recupero di parchi e piazze

Coinvolte anche 8 ragazze provenienti da Tunisia e Lettonia

Parte il primo marzo e proseguirà per tutto il mese il progetto Sogis, finanziato dai “Corpi Europei di Solidarietà”, che ha lo scopo di recuperare luoghi pubblici a fini sociali. Caiazzo ospiterà otto ragazze, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, provenienti dalla Tunisia e dalla Lettonia, insieme ad altri 16 italiani. I 24 giovani si occuperanno di luoghi di socializzazione per renderli di integrazione sociale.

Il progetto, presentato e coordinato dalla Pro loco Caiazzo, è patrocinato dal Comune di Caiazzo e sarà realizzato insieme all’associazione giovanile Arda Kaiatia di Caiazzo e all’associazione Aipd (Associazione Italiana Persone Down) di Caserta, invitato speciale l’Istituto Comprensivo A.A. Caiatino. L’obiettivo principale di Sogis è contribuire a creare una comunità sociale integrata con particolare riguardo alle fasce più deboli, come i rifugiati e i giovani svantaggiati con disagi economici, fisici, culturali, educativi o geografici.

Nello specifico, l’iniziativa prevede una prima fase d’aula con attivita? di ice breaking, team building e team working per creare una formazione di lavoro coesa e collaborativa. Successivamente si prevede la presentazione del programma di lavoro, con attivita? incentrate sulle aspettative, sui timori e soprattutto sul contributo che ciascun partecipante vuole dare al progetto. Con il supporto dei mentori, i volontari mediteranno sulla learning dimension e sul loro ruolo nello svolgimento delle varie attività.

Le aree su cui si svilupperà l’iniziativa saranno quattro: area tempo libero, orto condiviso, area esposizione e area esibizione. I luoghi principalmente interessati dalle azioni dei partecipanti saranno Parco della Rimembranza, Parco Santo Stefano e il campetto sito nei pressi della stazione ferroviaria. Ai volontari saranno riconosciuti dei poket money, il rilascio dello youthpass (certificato europeo riconosciuto in tutti i Paesi comunitari) e la possibilità di prendere parte a mobilità e iniziative a carattere nazionale e internazionale.

La comunità caiatina si prepara a vivere un mese intenso fatto di attività di gruppo, socializzazione, accoglienza, divertimento, condivisione e scambi culturali. Il recupero di antichi giochi italiani, lettoni e tunisini, di erbe aromatiche e officinali nonché la condivisione di momenti sportivi aperti alla comunità, sarà al centro delle azioni progettuali, in luoghi votati alla socialità e al tempo libero. L’esperienza del confronto è un’opportunità unica di arricchimento personale e formativo. I ragazzi avranno l’opportunità di allargare i propri orizzonti culturali, abbattendo pregiudizi e stereotipi; lo scambio culturale infatti consente il confronto quotidiano di usi, tradizioni e visione del mondo tra più collettività diverse e lontane sia per collocazione geografica che per storia. La crescita personale derivante da esperienze così significative, porta a vivere le diversità come arricchimento e a pensare, come diceva lo scienziato Albert Einstein “Io appartengo all’unica razza che conosco, quella umana”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'integrazione attraverso il recupero di parchi e piazze

CasertaNews è in caricamento