Attualità

Vertice degli avvocati: si lavora per superare i contrasti

I legali preoccupati dal futuro del tribunale di Santa Maria Capua Vetere

Negli scorsi giorni, presso la sala “Moscati” della parrocchia del Buon Pastore di Caserta, si è tenuto un incontro organizzato dal movimento forense provvisoriamente denominato “Avvocatura del fare”. L'incontro, promosso tra gli altri dagli avvocati Nicola Di Benedetto, Renato Iaselli e Francesco Petrella ha avuto, tra gli altri, protagonisti il professore Geppino Infante ed il professore Ciro Centore, nonché numerosissimi colleghi del Foro di Santa Maria Capua Vetere.

Tutti gli intervenuti hanno rimarcato la necessità di un impegno fattivo per restituire prestigio alla professione forense ed al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, fortemente penalizzato dalla nascita del Tribunale di Napoli Nord, ed invitato la classe forense ad una partecipazione attiva alla soluzione delle attuali problematiche del Foro sammaritano, mediante la creazione di gruppi di lavoro tematici.

Gli interventi hanno evidenziato la necessità di superare gli sterili personalismi ed i contrasti che sino ad oggi hanno caratterizzato la locale politica forense con l’invito a ritrovare la compattezza della classe forense sui grandi temi quali le strutture giudiziarie, l’equo compenso professionale, la regolare ed ordinata trattazione delle udienze, la formazione dei giovani avvocati. A breve ulteriori sviluppi del percorso così motivatamente ed entusiasticamente intrapreso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertice degli avvocati: si lavora per superare i contrasti

CasertaNews è in caricamento