Domenica, 24 Ottobre 2021
Attualità

Incendio in fabbrica, scongiurato pericolo contaminazione dei terreni

I risultati delle analisi Arpac dopo il rogo a Teverola

Nessuna contaminazione dei terreni dopo il maxi incendio di una fabbrica di ricambi per auto avvenuto a Teverola lo scorso 16 settembre. Lo rende noto l'Arpac che ha diramato gli esiti delle indagini espletate su terreni superficiali nei comuni di Teverola, Casaluce, Marcianise, Gricignano d’Aversa e nella zona Asi Teverola-Carinaro.

"I valori di concentrazione degli inquinanti ricercati (diossine+furani, policlorobifenili) riscontrati sono tutti nettamente al di sotto della concentrazione soglia di contaminazione (CSC) prevista dalla normativa per i siti a uso verde pubblico, privato e residenziale. Le concentrazioni di diossine e furani sono infatti tutte al di sotto di 0,7 ng/Kg s.s. I-TEQ (CSC 10 ng/Kg s.s. I-TEQ); le concentrazioni di PCB tutte al di sotto di 0,01 mg/Kg s.s. (CSC 0,06 mg/Kg s.s.)", si legge nella nota diramata da Arpac.

Sono state svolte ulteriori attività di campionamento su altri terreni nella zona interessata dall'incendio il cui esito sarà diramato dall'Arpac non appena disponibile. 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio in fabbrica, scongiurato pericolo contaminazione dei terreni

CasertaNews è in caricamento