menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pio Del Gaudio

Pio Del Gaudio

"Il Comune ha speso 9500 euro al giorno per incarichi e affidamenti diretti in un mese"

Del Gaudio punta il dito contro l'Ente di piazza Vanvitelli: "Soldi spesi per non apportare alcuna miglioria visibile alla nostra comunità"

Comune sprecone: nei primi venticinque giorni del mese di marzo sono stati spesi ben 237.732,97 euro tra incarichi professionali ed affidamenti diretti. A rendere noti i dati è stato l'ex sindaco e candidato alle prossime elezioni comunali, Pio Del Gaudio, che ha puntato il dito contro l'Ente di piazza Vanvitelli. "Alla vigilia di Pasqua, spulciando gli atti del Comune, vediamo che l’Ente ha speso in media 9509,32 euro al giorno per non apportare alcuna miglioria visibile alla nostra comunità - ha sottolineato Del Gaudio - Il calcolo, ovviamente, è da ritenersi ampiamente per difetto, dal momento che, sicuramente, mi saranno sfuggite altre spese fatte in questo mese opulento per l’Ente".

Del Gaudio ha poi fatto un prospetto delle somme spese dal Comune. "49.389 euro per supporto alle attività di programmazione del Puc (determine 453 e 356); 52.523,97 euro per lavori urgenti alle scuole (determine 382 e 448); 20.460 euro per la proroga dei servizi di assistenza ai cimiteri di Casolla (determina 424); 11.600 euro per incarichi legali; 7.930 euro per la vigilanza all'ex caserma Sacchi (determina 426); 83.400 euro per i lavori urgenti alle buche (determine 386, 451, 420, 449); 12.430 euro per la manutenzione degli immobili comunali (determina 450)".

"Il silenzio e la responsabilità che si debbono in questo periodo di pandemia - afferma Del Gaudio - devono imporre anche una riflessione su come si spendono le nostre risorse. Il prospetto dimostra, infatti, come non ci sia alcuna visione di insieme e di prospettiva della città. Le strade sono un colabrodo eppure anziché immaginare una progettualità di lungo respiro si prosegue con affidamenti diretti per mettere pezze e rattoppi. Il risultato è che la cura è peggiore del male. Con la crisi sociale che il Covid ha portato, con la seconda Pasqua di restrizioni, e non intendo in termini di mobilità, ma di possibilità economiche, fa male al cuore leggere queste cifre". 

"Da revisore dei conti evidenzio che senza avere ancora approvato il bilancio di previsione, la giunta ha approvato due delibere di utilizzo di anticipazioni dal fondo di riserva ordinario non rispettando, a mio giudizio, la normativa che obbliga all'approvazione preventiva del bilancio di previsione. Su questo tema ha chiesto spiegazioni formali il consigliere Roberto Desiderio. Le delibere sono la 12 (poi annullata) e la 17 in vigore", conclude Pio Del Gaudio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Attualità

La Dea bendata bacia il casertano: vinti oltre 33mila euro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento