Venerdì, 12 Luglio 2024
Attualità Santa Maria Capua Vetere

Immobile confiscato, affidamento flop: nessuno vuole gestirlo

E' arrivata una sola richiesta ma oltre il termine: si deve rifare nuovamente l'avviso pubblico

Nessuno vuole gestire l’immobile di via Merano a Santa Maria Capua Vetere confiscato alla criminalità organizzata. Il dirigente al ramo Giuseppina Celestino ha certificato che la gara per l’affidamento dell’immobile è andata deserta. L'assessore competente Francesco Rosario Di Nardo ha annunciato la ripubblicazione dell'avviso, che era stato inizialmente diffuso il 30 aprile scorso. Solo una domanda è pervenuta, ma oltre il termine perentorio indicato dall’amministrazione, risultando quindi non valida.

L’amministrazione ha deciso di pubblicare un nuovo avviso per favorire la più ampia partecipazione degli enti e delle associazioni del privato sociale, cui assegnare l’immobile a titolo gratuito. Fin dal gennaio 2020, l’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata ha trasferito al Comune di Santa Maria Capua Vetere un’unità immobiliare confiscata situata in via Merano al civico 1, destinata a finalità sociali ed economiche con vincolo di reimpiego dei proventi per scopi sociali.

Secondo la legge in materia, gli enti territoriali destinatari possono amministrare direttamente il bene o assegnarlo in concessione, a titolo gratuito, nel rispetto dei principi di trasparenza, adeguata pubblicità e parità di trattamento, a comunità, enti, associazioni, organizzazioni di volontariato e cooperative sociali per finalità sociali. In alternativa, gli enti territoriali possono utilizzare questi beni per finalità di lucro, ma i proventi devono essere reimpiegati esclusivamente per finalità sociali.

Il Comune di Santa Maria Capua Vetere è stato ammesso al finanziamento per la ristrutturazione dell’immobile e le opere sono state completate. Ora, è necessario realizzare all’interno dell’immobile “spazi di co-working nonché spazi di inclusione lavorativa per giovani disoccupati e soggetti svantaggiati” per l’attuazione di interventi e servizi sociali. Questi comprendono la rete territoriale dei servizi alla persona e i servizi rivolti al mondo dei giovani, l’inserimento o il reinserimento nel mercato del lavoro.

La speranza dell'amministrazione è che, con la nuova pubblicazione dell'avviso, vi sia una partecipazione più ampia e che l’immobile possa finalmente essere utilizzato per le finalità sociali previste, offrendo così un contributo concreto al territorio e alle sue esigenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immobile confiscato, affidamento flop: nessuno vuole gestirlo
CasertaNews è in caricamento