menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I consiglieri regionali Salvatore Aversano e Maria Muscarà

I consiglieri regionali Salvatore Aversano e Maria Muscarà

Il Recovery Plan 'spacca' il M5s: solo 2 consiglieri regionali chiedono la commissione

Il casertano Aversano e la napoletana Muscarà hanno protocollato un documento con le sole loro firme

Due consiglieri regionali del Movimento Cinque Stelle, il casertano Salvatore Aversano e napoletana Maria Muscarà, hanno protocollato una "proposta di rinvio delle sedute già fissate per l’istituzione degli Uffici di Presidenza delle Commissioni Speciali", chiedendo al Presidente Vincenzo De Luca ed al Consiglio di "esaminare la richiesta di istituzione di una nuova Commissione Speciale, in luogo della proposta già votata".

Quello che viene chiesto è "l'istituzione di una Commissione speciale per le riforme connesse all'utilizzo di strumenti finanziari, Recovery Fund e programmi a seguito dell'emergenza epidemiologica da Covid-19”. Quello che emerge però è che il documento è stato firmato solamente da 2 consiglieri, con la capogruppo Valeria Ciarambino e gli altri esponenti del M5s che non hanno voluto sottoscrivere la richiesta. Questo dimostra già una prima 'spaccatura' interna e anche nello stesso documento che è agli atti in Regione si fa riferimento "all'avvio di una riflessione in primis all’interno del nostro gruppo", dicono Aversano e Muscarà. 

I consiglieri regionali sottolineano che "pur comprendendo l’irritualità di una proposta fuori dagli schemi tradizionali, siamo certi che la particolarissima ed unica situazione politica ed economica attuale, che riguarda la Campania e tutto il Sud, necessita di attenzione inusuale, strumenti nuovi e di nuova visione. Il tema della equità nella distribuzione dei fondi, affrontato in prima battuta solo e giustamente dal Presidente De Luca, impone un sostegno e un coordinamento anche all’interno del Consiglio, con il coinvolgimento fattivo e collaborativo delle opposizioni".

Per portare avanti un percorso "senza steccati e senza preclusioni con un unico proposito per i prossimi dieci anni, quello di far rinascere la Campania e da qui tutto il Sud. Per questo chiediamo di rivedere le scelte precedenti, che se pur animate da nobili intenzioni, alla luce delle emergenze ineludibili di cui dobbiamo farci carico, appaiono inattuali ed anacronistiche rispetto al tema Recovery Fund". 

La richiesta di una commissione 'speciale' per il Recovery Fund arriva anche dopo l'appello dello stesso De Luca ai presidenti delle Regioni del Sud per "evitare un furto", chiedendo che il 65% delle risorse sia destinato al Sud e la restante parte al Nord. E per questo motivo Aversano e Muscarà chiudono dicendo di essere certi che "quest’atto del Consiglio, anche nel rivedere e correggere le proprie scelte, dimostrerebbe vicinanza e sensibilità alle reali esigenze dei cittadini campani". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento