rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Attualità

Idrico, Di Biasio esce allo scoperto e scrive al prefetto

Il presidente del Consorzio: "Bilanci approvati col parere favorevole di chi oggi denuncia e si propone quale possibile commissario. Sull'assemblea nessuna irregolarità"

Dopo 24 ore di attacchi subiti in silenzio da più fronti, il presidente del Consorzio Idrico Terra di Lavoro Pasquale Di Blasio decide di uscire allo scoperto. E lo fa con una lettera al prefetto di Caserta Raffaele Ruberto nel quale prova a difendersi dal dossier presentato dal presidente del collegio dei revisori dei conti Vincenzo Piscitelli che aveva chiesto al massimo organo dello Stato sul territorio di commissariare l’Ente per la disastrosa situazione finanziaria a poche ore dal voto per il rinnovo del consiglio di amministrazione.

Di Blasio: “I bilanci sono stati approvati”

“Mi corre l’obbligo - scrive Di Blasio fare alcuni chiarimenti in merito a quanto contenuto nella nota a firma del Piscitelli. Per quanto attiene alla presunta mancata approvazione dei bilanci di esercizio fino al 2015, mi preme sottolineare che essi sono stati regolarmente approvati dall’Assemblea dei soci, con il parere favorevole dello stesso Piscitelli. Parimenti sono stati approvati, sempre con il parere favorevole di Piscitelli, i bilanci preventivi fino all’anno 2017. Il Consiglio di Amministrazione del CITL ha altresì approvato il bilancio di esercizio anno 2016. Ad oggi, manca solo l’approvazione del bilancio preventivo 2018 stante il rinnovo della governance dell’Ente, previsto per il giorno 20 aprile”.

“Perché ha dato sempre parere positivo ai bilanci?”

E sulla situazione finanziaria, il presidente del Consorzio Idrico aggiunge: “Per quanto attiene alla presunta “gravissima situazione economico finanziaria”, è necessario chiarire che il dott. Piscitelli, nella sua qualità di Presidente del collegio dei Revisori dei Conti, ha sempre approvato la corretta imputazione in bilancio dei titoli nominali dei crediti e dei debiti. Mi preme inoltre ricordare che in questi anni il Consiglio di Amministrazione si è costantemente impegnato a ridurre l’esposizione debitoria e, nel contempo, a richiedere un rientro dei crediti. Tale intento si può facilmente evincere dai bilanci approvati, sempre con il consenso del Revisore dei Conti Piscitelli. Relativamente poi agli squilibri di natura finanziaria certamente maturati in anni precedenti, posso confermare che essi sono oggetto di costante attenzione da parte dell’attuale CdA che, di recente, ha ricevuto l’approvazione del piano tariffario ad opera dell’Organismo Istituzionale Competente. Lo stesso CdA ha già dato mandato per l’opportuna redazione del piano economico conforme alle indicazioni del medesimo Organismo Istituzionale. In merito al recupero dei crediti mi preme ribadire ancora una volta che sono già state avviate tutte le azioni necessarie”.

Domani si vota

Per Di Blasio, dunque, non c’è alcun problema anche per la convocazione dell’assemblea dei soci prevista per domani: “E’ opportuno fare chiarezza anche in merito alla paventata illegittimità dei soci a partecipare all’Assemblea perché debitori nei confronti del CITL. Tale affermazione è pretestuosa e priva di fondamento al pari di quella che si riferisce alla regolarità delle convocazioni assembleari del 12 e del 20 aprile. In definitiva, alla luce delle considerazioni sopra esposte, il comportamento di Piscitelli appare veramente surreale e va stigmatizzato anche in considerazione del fatto che a distanza di cinque anni (a partire dal 2013…) si ricorda solo oggi di segnalare alcune disfunzioni. Stranamente queste vengono esternate in concomitanza dell’assemblea del prossimo 20 aprile che prevede, tra i vari punti messi all’ordine del giorno, anche il “Rinnovo del Collegio dei Revisori dei Conti”. Infine, per decenza istituzionale, preferisco non esprimermi in merito alla richiesta di Piscitelli relativamente alla disponibilità ad essere individuato come Commissario del Consorzio Idrico di Caserta”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Idrico, Di Biasio esce allo scoperto e scrive al prefetto

CasertaNews è in caricamento