rotate-mobile
Attualità Santa Maria Capua Vetere

Avvocati e magistrati a confronto all'Università

Dibattito sul tema del conflitto di giurisdizione tra autorità giudiziaria ordinaria e militare

Grande partecipazione, istituzionale e di pubblico, per il convegno sul conflitto di Giurisdizione tra Autorità giudiziaria ordinaria e militare, tenutosi presso il Dipartimento di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli di Santa Maria Capua Vetere.

Dopo i saluti istituzionali di Lorenzo Chieffi, direttore del dipartimento di giurisprudenza, del primo cittadino della città del Foro Antonio Mirra, i relatori si sono soffermati, fra l'altro, sul tema della possibile introduzione del Codice Rosso nel Diritto penale militare, sulla scorta dei lavori parlamentari attualmente in gestazione e del dibattito associativo proposto dall'Associazione Magistrati Militari Italiani. La questione è stata eviscerata sotto diversi punti di vista come quello dell'avvocatura con l'intervento del Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Vetere Ugo Verrillo a cui si sono associate Patrizia Manna presidente della Fondazione Forense di Santa Maria Capua Vetere e Angela Del Vecchio presidente dell'Associazione Avvocati del Foro di Santa Maria Capua Vetere.

Un contributo al dibattito è stato offerto anche dall'avvocato Ceoletta del Foro di Verona. Nel variegato parterre giuridico-militare particolarmente apprezzati sono stati gli interventi di Carmine Renzulli, Procuratore Aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere; Lucio Molinari, presidente della Corte Militare di Appello di Napoli; Giovanni Barone, Procuratore Militare della Repubblica presso il Tribunale di Napoli; Gabriele Casalena, già presidente di Sezione presso il Tribunale Militare di Roma nonché ex presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati Militari.

Convegno a Santa Maria Capua Vetere

I giudici militari nei loro interventi hanno accennato alla tematica dell'annullamento delle gare pubbliche ed ai correlati costi oltre alle metodiche di collegamento investigativo fra gli uffici di Procura Militare e gli uffici di Procura ordinaria, anche alla luce delle recenti indicazioni delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione. Il segreto di Stato è stato poi oggetto di ulteriori interessanti riflessioni.

Fondamentale anche il punto di vista in termini di tutela offerto da Vincenzo Romeo Segretario Generale Pianeta Sindacale Carabinieri. Moderatore di questo connubio di esperienze e riflessioni Giuliano Balbi, ordinario di diritto penale presso la facoltà di giurisprudenza della città del Foro. Le conclusioni del dibattimento sono state affidate all'avvocato nonché docente di diritto e procedura militare Michele Spina. La giurisdizione militare, anche grazie a queste iniziative di approfondimento scientifico, esce dai ristretti ambiti specialistici in cui viene predicata ordinariamente dai professionisti del settore, per affacciarsi con prepotenza ed interesse nella più ampia dinamica e nel variegato dibattito giuridico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avvocati e magistrati a confronto all'Università

CasertaNews è in caricamento