rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Attualità Piedimonte Matese

Due dipendenti per tenere aperto il Giudice di Pace

Il Consiglio dell'Ordine a colloquio con i sindaci ed il delegato per garantire il servizio

Il lavoro del rinnovato Consiglio dell’Ordine degli Avvocati ha prodotto un nuovo ed importante risultato per quanto riguarda la sopravvivenza dell’ufficio del Giudice di Pace di Piedimonte Matese.

L’incontro, voluto ed organizzato dal nuovo Consiglio dell’Ordine, tenutosi nella giornata di lunedì 11 ottobre, presso i locali dell’ufficio del Giudice di Pace di Piedimonte Matese - alla presenza dei Sindaci di Piedimonte, Victor Civitillo, di Alife, Maria Luisa Di Tommaso, e di Caiazzo, Stefano Giaquinto, alla presenza del Giudice delegato dal tribunale per l'ufficio del giudice di pace di Piedimonte Matese Antonio Riccio e del Presidente del Consiglio dell’ordine Ugo Verrillo, dei consiglieri delegati ai rapporti con gli uffici del giudice di pace Antonio Spallieri e Pasquale Romano, unitamente ai consiglieri referenti del territorio Crescenzo di Tommaso e Salvatore D’Albenzio, oltre alla presenza dell'avvocato Angela Del Vecchio - ha prodotto quale risultato un rapido intervento delle istituzioni che hanno di fatto consentito che le attività ordinarie possano tranquillamente svolgersi.

All’incontro erano presenti inoltre alcuni dei rappresentanti del Consorzio per la gestione degli uffici del giudice di pace. In particolare il Comune di Alife ha disposto l’assegnazione all’ufficio del giudice di Pace di Piedimonte di un dipendente di categoria C, ed il Comune di Piedimonte ha chiesto alla Presidenza del Tribunale l’autorizzazione affinché l’ex cancelliere possa affiancare i due incaricati. Per la prima volta, grazie all’intercessione del Coa che ha fortemente voluto e organizzato tale appuntamento, la politica locale e la magistratura hanno dialogato sul tema giustizia ed hanno prodotto un valido risultato.

"La collaborazione con gli enti e le istituzioni al fine di salvaguardare i presidi di giustizia nelle realtà territoriali è e sarà una prerogativa del nuovo Consiglio dell’Ordine degli Avvocati - dichiara il presidente Verrillo - Il nostro obiettivo è quello di porre fine alla sofferenza della nostra classe che deriva da una gestione non adeguata alle esigenze dell’avvocatura. Auspico che la collaborazione finora avuta con le istituzioni si possa ritrovare con la Presidenza del Tribunale per rimuovere tutti i provvedimenti restrittivi per l’accesso alle strutture".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due dipendenti per tenere aperto il Giudice di Pace

CasertaNews è in caricamento