rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Attualità Arienzo

Il gioco d'azzardo e la ludopatia, faccia a faccia in chiesa col vescovo

Di Donna partecipa all'incontro nella Chiesa Arcipretale in Largo Sant’Alfonso

Slot, bingo, superenalotto, centri scommesse, gratta e vinci: miliardi di euro bruciati in Italia, molti in Campania, tanti nelle nostre città e paesi. La Chiesa Arcipretale di Sant’Andrea Apostolo, attraverso la Caritas parrocchiale e in collaborazione con la Fondazione Exodus di Castellammare di Stabia, scende in campo, tra storie di dipendenza, leggi, possibilità di recupero e di salvezza, ma soprattutto per una indispensabile e preziosa opera di sensibilizzazione e di prevenzione, in particolare nelle parrocchie e nelle scuole. Sabato 22 febbraio alle ore 16.30 nella Chiesa Arcipretale in Largo Sant’Alfonso ad Arienzo, in provincia di Caserta e diocesi di Acerra, si svolgerà un convegno dal titolo “L’azzardo non è un gioco. Storie di dipendenza e possibili vie di uscita”.

Moderati da Antonio Pintauro, direttore dell’Ufficio per le comunicazioni sociali della diocesi di Acerra, con l’arciprete di sant’Andrea apostolo, don Mario De Lucia, e il vescovo di Acerra, monsignor Antonio Di Donna, interverranno il sindaco di Arienzo, Davide Guida, la professoressa Rosa Prisco, dirigente scolastico dell’Istituto “Galilei” di Arienzo, il presidente della Fondazione Exodus Daniele Acampora, e l’avvocato Annalisa d’Amora di Exodus. La dottoressa Alessandra Rosa parlerà di “Ludopatia e gioco d’azzardo. Patologia, diagnosi e trattamenti terapeutici”. Gli educatori prof. Francesco Soldatini e Francesca Cappiello parleranno dello stesso tema nel teatro dell’episcopio ai bambini, con un linguaggio adatto a loro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il gioco d'azzardo e la ludopatia, faccia a faccia in chiesa col vescovo

CasertaNews è in caricamento