rotate-mobile
Attualità Santa Maria Capua Vetere

Il giallo delle autorizzazioni: ecco perché è saltato il concerto di Tony Colombo

Commissione di vigilanza 'monca' prima dell'evento. Organizzatori lavorano per recuperare l'esibizione del cantante neomelodico

Un silenzio surreale, gente in attesa e la delusione tangibile dei molti che si erano recati in via Firenze, nel Rione Sant'Andrea dei Lagni a Santa Maria Capua Vetere, per assistere al concerto del cantante neomelodico Tony Colombo. Concerto annullato.

Il diniego è giunto dagli uffici del Capo di Gabinetto della Questura di Caserta dopo un'accurata visione della documentazione prodotta dagli 'addetti ai lavori': mancante. La più grande falla c'è stata nella composizione della commissione di vigilanza dei locali di pubblico spettacolo che di fatto era monca in alcuni suoi componenti. Secondo le normative di Safety and Security, infatti, perché possa esser concessa la licenza di agibilità per effettuare uno spettacolo con una capienza di circa 200 persone è obbligatorio il previo parere favorevole della commissione di vigilanza. Elemento che in tale occasione sarebbe risultato essere mancante ab origine.

Di fronti a tali palese mancanze la Questura casertana non ha potuto far altro che negare il rilascio dell'indispensabile dichiarazione di agibilità. Un diniego giunto già nelle prime ore del pomeriggio ma nonostante ciò i 'lavori preparatori' per l'esibizione del cantante neomelodico, sposato con l'ex moglie del boss Gaetano Marino, sono proseguiti.

Una immotivata delusione cittadina con sorpresa amara nel finale che poteva esser evitata con uno sforzo in più di sincerità. Gli organizzatori per ovviare a tanta amarezza hanno annunciato sono al lavoro per recuperare il concerto in altra data.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giallo delle autorizzazioni: ecco perché è saltato il concerto di Tony Colombo

CasertaNews è in caricamento