Domenica, 17 Ottobre 2021
Attualità Cervino

Un vescovo casertano alla guida della Diocesi di Ischia

Papa Francesco ha nominato monsignor Gennaro Pascarella (originario di Cervino) vescovo della diocesi guidata precedentemente da monsignor Pietro Lagnese

Un vescovo casertano alla guida della Diocesi di Ischia. Papa Francesco ha nominato monsignor Gennaro Pascarella nuovo vescovo di Ischia e ha unito “in persona Episcopi” le diocesi di Pozzuoli e Ischia. La notizia è stata data dalla sala stampa vaticana ed è stata contemporaneamente comunicata da monsignor Pascarella al vicario generale, ai vicari episcopali, ai vicari foranei, al collegio dei consultori e al clero della curia puteolana, tutti convocati nella sala Laurentiana a Pozzuoli. 

Monsignor Pascarella, originario di Cervino, guiderà la diocesi di Ischia dopo il trasferimento del vescovo Pietro Lagnese a Caserta. "Mi è stato chiesto di uscire di nuovo – ha sottolineato monsignor Pascarella – di andare oltre, di essere anche vescovo di Ischia. Nella mia vita ho cercato costantemente di comprendere la volontà di Dio su di me e di aderirvi, anche quando metteva a soqquadro i miei progetti. Già da seminarista ho imparato che alla volontà di Dio bisogna aderire sempre, subito e con gioia. È questa la tensione che mi accompagna ancora oggi. Nel profondo rispetto e valorizzazione di tutto ciò che Dio ha compiuto nella chiesa di Dio che è in Ischia e della sua storia siamo chiamati a camminare insieme".

Operare insieme un discernimento sui passi da fare, partendo dall’ascolto e puntando al dialogo. Questo l’auspicio del presule: "Il discernimento ha bisogno di pazienza, umiltà, fedeltà, apertura, ascolto della parola di Dio e dei segni dei tempi, fiducia nella presenza e nell’assistenza dello Spirito Santo. Ci affidiamo a Lui (domani è Pentecoste) perché ci aiuti a comprendere e a realizzare la volontà di Dio, che è sempre per il nostro bene. È importante porre i passi giusti in questa fase importante della nostra chiesa. Consapevole della mia età ho chiesto un aiuto, che mi è stato promesso, perché voglio dedicare a voi tempo ed energie". Il vescovo ha invocato l’intercessione di Maria, Madre della Chiesa e dei Santi Patroni, Santa Restituta e san Giovan Giuseppe della Croce, pregando affinché il Signore “colmi delle sue benedizioni, in particolare coloro che soffrono le conseguenze della crisi pandemica, che ha evidenziato e accresciuto una crisi sociale, educativa, culturale e anche di fede”.

Chi è monsignor Gennaro Pascarella

Monsignor Gennaro Pascarella è nato a Cervino, diocesi di Acerra, il 28 marzo 1948. Ha compiuto gli studi ginnasiali nel Seminario Vescovile di Acerra, gli studi liceali-filosofici nel Seminario Regionale “San Pio X” di Benevento e quelli teologici nella Facoltà Teologica “San Luigi” di Posillipo a Napoli, dove ha conseguito la Licenza in Teologia Morale. È stato ordinato sacerdote il 14 settembre 1974 nella diocesi di Acerra. Dopo l’ordinazione ha frequentato la Facoltà di Filosofia nell’Università di Napoli. Nel 1978 nominato vicario cooperatore nella Parrocchia di Sant'Alfonso Maria de’ Liguori in Acerra; successivamente ha ricoperto altri vari incarichi quali delegato vescovile per le vocazioni, cancelliere della Curia diocesana, membro della Consulta regionale per le vocazioni, Canonico Penitenziere del Capitolo Cattedrale, coordinatore della Curia per la Pastorale, membro del Consiglio presbiterale diocesano, docente di Religione nel Liceo Scientifico di Acerra e coordinatore della pastorale giovanile. È nominato vescovo di Ariano Irpino-Lacedonia il 14 novembre 1998 e ordinato il 9 gennaio 1999. Nella Conferenza Episcopale della Campania è responsabile regionale per la pastorale familiare e per la vita. Nominato Vescovo coadiutore della Diocesi di Pozzuoli il 10 gennaio 2004, ha iniziato il ministero episcopale come vescovo di Pozzuoli il 14 settembre 2005 (nella quale è stato nominato Vescovo ordinario il 2 settembre 2005). Il 26 novembre 2006 chiude l’VIII Sinodo della Diocesi di Pozzuoli, che si è svolto a 115 anni di distanza dall’ultimo (indetto nel 1888) e ha visto la partecipazione di oltre 350 sinodali, in rappresentanza delle 68 comunità parrocchiali, degli ordini religiosi e dei movimenti flegrei. Il 22 maggio 2021 Papa Francesco lo nomina vescovo di Ischia e unisce “in persona Episcopi” le diocesi di Pozzuoli e Ischia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un vescovo casertano alla guida della Diocesi di Ischia

CasertaNews è in caricamento