rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Attualità

Persi 23 milioni di fondi per le scuole, 5 consiglieri: “Fuori i nomi di chi ha sbagliato”

Presentata una interrogazione agli assessori Marzo e Battarra dopo il flop dei progetti

Una bocciatura che fa male. Anzi quattro: tanti quanti sono i progetti presentati dal Comune di Caserta che la Regione Campania non ha voluto finanziare per gli errori commessi nella presentazione dei documento. Un totale di quasi 23 milioni di euro che sarebbero potuti essere utilizzati per quattro scuole del Capoluogo (Dante, Alighieri, scuola media Giannone, scuola primaria di Casolla, scuola elementare De Amicis) e che, invece, sono stati persi.

Dopo le polemiche dei giorni scorsi, l’opposizione ha deciso di andare in fondo alla vicenda. Per questo motivo i cinque consiglieri comunali Gianpiero Zinzi, Maurizio Del Rosso,  Alessio Dello Stritto, Fabio Schiavo e Donato Aspromonte hanno sottoscritto una interrogazione per chiedere chiarimenti agli assessori Massimiliano Marzo (Lavori pubblici) ed Enzo Battarra (Pubblica istruzione).

“Abbiamo depositato una specifica interrogazione per conoscere l’iter seguito dall’amministrazione per la redazione e presentazione dei progetti rigettati oltre ai nominativi dei progettisti e/o del personale addetto alla redazione e presentazione degli atti” spiegano i consiglieri. “Considerata la gravità dei fatti e le conseguenze che gli stessi produrranno sull’edilizia scolastica, auspichiamo che l’amministrazione venga in aula a spiegare cosa non ha funzionato” aggiunge Maurizio Del Rosso. Il quale, insieme ai colleghi, vuole conoscere anche i nomi di coloro che hanno preparato i progetti e le modalità di controllo e del vaglio degli stessi, oltre che “le soluzioni alternative che intende adottare l’amministrazione al fine di regolarizzare e mettere in sicurezza gli istituti scolastici”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Persi 23 milioni di fondi per le scuole, 5 consiglieri: “Fuori i nomi di chi ha sbagliato”

CasertaNews è in caricamento