rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Attualità

Raccolti 2300 euro con i pomodori per combattere i tumori pediatrici

L'iniziativa della Fondazione Umberto Veronesi che ha come referente la consigliera comunale Dello Buono

L’assegno è stato già versato: 2.300 euro come contributo per sostenere la ricerca e cura in oncologia pediatrica portata avanti dalla Fondazione Umberto Veronesi. La cifra è stata raccolta a Caserta dalla referente comunale della Fondazione Veronesi e consigliera comunale Daniela Dello Buono, nell’ambito dell’iniziativa “Il pomodoro per la ricerca. Buono per te, buono per l’ambiente” arrivata quest’anno alla sua quinta edizione. Grazie al coinvolgimento di volontari e istituzioni locali, sono state distribuite ben 200 confezioni con “tris” di pomodoro e raccolti 300 euro provenienti da offerte libere.

“Una vera e propria ondata di solidarietà che porterà un aiuto concreto a chi sta lottando ogni giorno contro il tumore”, commenta Daniela Dello Buono, rimasta entusiasta dell’ottima risposta dei cittadini casertani. “Ringrazio di vero cuore tutti coloro che si sono dimostrati sensibili nei confronti dell’iniziativa - aggiunge Dello Buono -. Un sentito ringraziamento lo rivolgo anche a tutti i volontari che, con il loro prezioso aiuto, hanno consentito la buona riuscita del banchetto”.

L'iniziativa rientra nell’ambito di “Gold for Kids”, il progetto di Fondazione Umberto Veronesi per combattere i tumori pediatrici. Fino ad oggi, grazie a questo progetto, la Fondazione ha finanziato il lavoro di 123 ricercatori (21 nel 2021) che lavorano nei migliori istituti di ricerca negli Stati Uniti d’America e l’apertura di 10 protocolli di cura e 3 studi osservazionali. Ma gli eventi di solidarietà non finiscono qui. “Nei prossimi mesi ci saranno una serie di appuntamenti che sto organizzando sempre nell’ambito della beneficenza, sui quali vi terrò costantemente aggiornati”, conclude Dello Buono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolti 2300 euro con i pomodori per combattere i tumori pediatrici

CasertaNews è in caricamento