"Cavernicoli ed ignoranti". Giuliana De Sio torna ad attaccare dopo la polemica sul focolaio casertano | VIDEO

L'attrice, intervistata a Verissimo, ne ha anche per il sindaco Antonio Mirra

 

Il focolaio di Santa Maria Capua Vetere nato dopo lo spettacolo al teatro Garibaldi di Giuliana De Sio torna al centro della polemica a distanza con l’attrice. Quest’ultima, infatti, è tornata ad attaccare il sindaco Antonio Mirra ed i suoi concittadini che l’hanno attaccata sui social dopo la scoperta della sua positività ed il suo conseguente ricovero. 

Intervistata a “Verissimo” dalla conduttrice Silvia Toffanin, la De Sio ha definito le polemiche “mentalità e comportamenti cavernicoli e medievali”. Ed ha aggiunto: “Il sindaco di una cittadina del Sud ha annunciato che avrebbe dovuto denunciare perché avrei contagiato delle persone in platea, consapevole di avere il Covid. Questo ha portato che quando sono tornato dall’ospedale, mi sono dovuta trovare sul mio profilo Facebook, centinaia di messaggi contro. Mi hanno dato anche dell’assassina. La cosa che più mi ha stupito - aggiunto - è stata la manifestazione di questa ignoranza, di una minoranza di persone, di una certa consistenza, che è riuscita a pensare che una persona, avendo il virus, andasse in giro ad ammalare le persone”.

Il primo focolaio di Santa Maria Capua Vetere, con oltre una decina di positivi e due decessi, secondo quanto ricostruito, aveva colpito in primis persone che erano state allo spettacolo del Garibaldi e che, successivamente, avevano scattato anche delle foto con le attrici. Va sottolineato che, da fonti dell’amministrazione comunale della città del Foro, emerse come non vi erano state comunicazioni da parte dello staff della De Sio relativamente al suo ricovero del quale si venne a conoscenza solo quando la stessa, in ripresa, affermò di aver contratto il virus e di essere stata costretta al ricovero in ospedale. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
CasertaNews è in caricamento