Attualità

Fipe in piazza: "Data certa per riapertura ed agevolazioni. I ristori non bastano"

Russo all'assemblea straordinaria a Roma: "Bene vaccini per categoria turismo ma tutelare anche litorale domizio"

Il presidente provinciale Fipe Russo con il presidente nazionale Stoppani

Avere una data per la riapertura, ristori adeguati alle perdite e sgravi su fitti ed imposte comunali. Sono queste le richieste formulate dalla Fipe Confcommercio al ministro Giorgetti. Ieri la Federazione dei Pubblici Esercizi è scesa in piazza a Roma per l'assemblea straordinaria. Una manifestazione alla quale ha preso parte anche il presidente provinciale Giuseppe Russo

"E' stata una manifesrazuine ineccepibile con la quale abbiamo espresso le nostre difficoltà con toni moderati - ha spiegato Russo - Chiediamo una data certa per la riapertura. Non ne possiamo più". Russo è poi entrato nei dettagli delle richieste formulate al ministro Giorgetti a cominciare dai ristori. "Sui ristori la realtà è ben più triste - spiega - I ristori hanno dato al massimo il 5-6% delle perdite che abbiamo avuto in un anno. Ci aspettiamo francamente qualcosina in più". 

E dunque le richieste al governo sia sulla riapertura, "con un protocollo di sicurezza attraverso un'app per garantire un accesso sicuro ai nostri locali", sia sugli strumenti per far fronte all'emergenza tra cui "il credito d'imposta sui fitti da gennaio ad aprile, la gratuità del suolo pubblico per il 2021 ed un ricalcolo Tari sui mesi effettivi in cui abbiamo lavorato". A ciò si aggiunge "una moratoria sui prestiti con un periodo più lungo dei 6 anni e dare la possibilità alle imprese di accedere a nuovo credito immediatamente". 

Queste le richieste a livello nazionale. Sulla situazione casertana Russo commenta: "E' davvero difficile. L'asporto ed il delivery che ci hanno aiutato in questi mesi dalla settimana di Pasqua sono calati in misura drastica". La testimonianza è il centro storico, in particolare corso Trieste e via San Giovanni, dove "sono apparsi tanti cartelli fittasi e vendesi - dice ancora il presidente Fipe - Quelle strade sembrano cimiteri a cielo aperto. Ci vuole sinergia tra Comune ed associazioni per agevolare chi vuole investire a Caserta". 

Infine, Russo interviene sul piano vaccini della Regione che intende bypassare il programma del Governo - che procederà per fasce di età - e partire a vaccinare le categorie economiche, in primis quella del turismo delle isole Capri, Ischia e Procida. "Condivido la scelta di rendere Covid Free le mete estive. La stagione turistica invernale è andata persa e bisogna fare di tutto per salvare il salvabile - spiega - Ma il turismo in Campania non sono solo le isole o la costiera Amalfitana ed il Cilento. C'è anche il litorale domizio che va valorizzato e tutelato in tal senso". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fipe in piazza: "Data certa per riapertura ed agevolazioni. I ristori non bastano"

CasertaNews è in caricamento