Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità Aversa

Il progetto del Comune per il bene confiscato al primo posto della graduatoria regionale

La Regione finanzierà il progetto di riuso sociale del bene sito in via De Chirico

Il progetto del Comune di Aversa di riuso sociale del bene confiscato alla criminalità organizzata, situato in via De Chirico, si è collocato al primo posto della graduatoria della Regione Campania per i finanziamenti dell'annualità 2020. A renderlo noto sono l’assessore alle Politiche sociali Ciro Tarantino e l’assessore ai Lavori pubblici e beni confiscati Benedetto Zoccola.

“Si tratta – afferma l’assessore alle Politiche sociali – non solo del risultato di un egregio lavoro svolto dall’ufficio programmi del Comune, ma anche del primo risultato del metodo di programmazione inaugurato con l’istituzione, da parte dei due assessorati, del gruppo di lavoro sull’uso sociale dei beni confiscati alla criminalità, che ha posto al centro dell’azione amministrativa il coinvolgimento stabile delle organizzazioni del terzo settore nella cura e nella promozione dell’uso degli immobili confiscati alle mafie".

"In questa linea, si muove anche la delibera di indirizzo sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie approvata in giunta nei giorni scorsi - aggiunge - Fin dal suo insediamento, l'amministrazione comunale ha inteso promuovere, con ogni strumento a disposizione, il riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie per riportare al bene comune le ricchezze acquisite in maniera illegale, nella consapevolezza che i beni confiscati costituiscono testimonianze culturali di etica pubblica”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il progetto del Comune per il bene confiscato al primo posto della graduatoria regionale

CasertaNews è in caricamento