rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità Cervino

Al Comune 78mila euro per l'adesione al modello cloud

Il sindaco Vinciguerra: "Con questo sistema garantiamo accessibilità e trasparenza"

“Abilitazione al Cloud delle PA locali”, in arrivo un finanziamento di 77.897 euro per incentivare la digitalizzazione del Comune di Certivo. I fondi, di cui l'ente è risultato destinatario, collocandosi favorevolmente nella graduatoria di ammissione approvata, sono stati previsti nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e saranno concretamente attribuiti, secondo le modalità indicate nel relativo Avviso, dal Dipartimento per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con la finalità di proseguire nel percorso fissato dal “Programma Italia digitale 2026”.

L’obiettivo è di promuovere la migrazione delle basi dati e dei servizi dell’Ente verso un’infrastruttura Cloud, consentendo di porre fine alla frammentazione dei Data Center. Nello specifico, l’elaborazione e l’archiviazione delle risorse informatiche non avverrà in maniera fisica, con un inserimento nei software e nelle infrastrutture digitali installate localmente e in uso al Comune, ma avranno luogo, tramite esternalizzazione e virtualizzazione, in un server Cloud, rendendo accessibili gli stessi file e le stesse applicazioni su Internet, da ogni dispositivo e luogo.

Non si tratta, però, dell’unico vantaggio. "L’adesione al modello Cloud della Pubblica Amministrazione - ha precisato il sindaco Giuseppe Vinciguerra - ci garantisce di erogare servizi digitali in piena trasparenza, sicurezza ed efficienza, con un’accessibilità ai nostri dati in qualunque momento e indipendentemente dagli inconvenienti che potrebbero verificarsi a livello locale, essendo assicurati un backup continuo e, dunque, l’impossibilità di una perdita di informazioni in presenza di problemi tecnici. Allo stesso modo, tale sistema consentirà di abbattere i costi di aggiornamento e di mantenimento dei server locali; sarà il provider di servizi Cloud a provvedere in tal senso. La digitalizzazione dell’Ente era nei nostri progetti, configurandosi come uno dei propositi avanzati in campagna elettorale. Otterremo così una migliore organizzazione e impostazione del lavoro, con possibilità di ricadute positive anche nel rapporto con il cittadino e nel dialogo con le imprese”.

Per completare le attività, dopo la classificazione di dati e servizi avviata dall’Amministrazione prima dell’adesione all’Avviso Pubblico, un team, coordinato dal MITD, darà un ulteriore supporto nella presentazione di un elenco di fornitori qualificati, in grado di procedere a tale migrazione. Sarà, inoltre, assicurata la creazione di un gruppo centrale di monitoraggio per assicurare l’esecuzione tempestiva delle stesse attività.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Comune 78mila euro per l'adesione al modello cloud

CasertaNews è in caricamento