'Terremoto' nel cantiere rifiuti, i lavoratori sul piede di guerra

Proclamate 2 ore di stop dalla Fiadel dopo la "mancata corresponsione degli stipendi di ottobre"

Continua la protesta nel cantiere di igiene urbana di San Felice a Cancello

E' stata proclamata dalla Fiadel l'ennesima assemblea sindacale all'interno del cantiere di igiene urbana di San Felice a Cancello. Venerdì 29 novembre gli operai infatti interromperanno il loro lavoro per ben 2 ore. Alla base della decisione del sindacato, di cui è dirigente provinciale Giovanni Guarino, ci sono "gli stipendi di ottobre non ancora retribuiti dalla Buttol".

"La vertenza non assume alcuna svolta positiva, per cui, siamo costretti a sospendere le attività nuovamente. Nonostante le rassicurazioni i lavoratori restano ancora una volta delusi e amareggiati dalla propria azienda. Riteniamo vergognoso l’atteggiamento con cui la Buttol tratta i propri dipendenti, ai quali non viene fornita alcuna informazione in merito al pagamento degli stipendi di ottobre, scaduto lo scorso 15 novembre. Sono trascorsi ben 12 giorni in cui nessuno si è fatto carico del disagio che si sta arrecando ai lavoratori e alle loro famiglie, inoltre, considerato l’imminente periodo delle feste natalizie, l’incertezza regna sovrana tra i lavoratori, i quali sfiduciati e abbandonati al proprio destino, guardano con pessimismo al futuro", sottolinea la Fiadel in una nota.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Grave anche il silenzio attorno alle presunte assunzioni irregolari compiute sul medesimo cantiere, una su tutte, quella della nuova coordinatrice dei servizi, che secondo la Buttol tanto era necessaria per il buon andamento delle attività, ma che invece per noi potrebbe configurare un danno erariale se il Comune non ponga in essere misure per interrompere l’impiego di personale estraneo alla originale pianta organica, peraltro ridotta di 5 lavoratori, tre dei quali collocati in pensione e non ancora sostituiti da altrettanti operai degli ex Cub così come previsto da una Legge regionale della Campania del 2016. Nonostante l’aria di sfiducia, diffusa tra i lavoratori, la Fiadel non mollerà di un centimetro la presa, proseguendo nella difesa gli interessi dei lavoratori, ragion per cui, fino a quando non sarà riconosciuto quanto dovuto ai lavoratori e chiarite le ombre oscure presenti sul cantiere la vertenza non conoscerà interruzioni", conclude la nota del sindacato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse in Campania fino al 30 ottobre per il coronavirus

  • Coronavirus, 120 nuovi contagi ed un'altra vittima nel casertano

  • Nuovo record di contagi nel casertano: 135 casi in un giorno

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • Doppiato il record di contagi: 284 casi e 2 decessi nel casertano

  • Sfondata quota 1000 casi in Campania: superato il ‘limite lockdown’ annunciato da De Luca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento