rotate-mobile
Attualità Alife

Fiaccolata della pace: ogni strada possibile al dialogo

Il messaggio dell'Imam Moustafà della comunità matesina: "Abbiamo il dovere di educare i nostri figli sempre con il nostro esempio perchè siamo tutti fratelli".

Giornata della Pace e del Dialogo e Giornata di digiuno per la Pace in Medio Oriente. Sono queste le invocazioni di pace da parte dell' Imam Moustafà. Presso l'Albero della Pace, in collegamento con le iniziative di Pace svoltasi in tutto il mondo, in occasione della 22esima Giornata ecumenica del Dialogo Cristiano-Islamico, si è svolta una singolare iniziativa promossa dal Movimento per la Pace, che ha visto la partecipazione di una rappresentanza della comunità musulmana matesina, con la presenza dell'Imam Moustafà Lattaf, del vice presidente dell'associazione musulmani Hassane El Azouzi, insieme a El Arbi Metekhkhem e ai piccoli "Raja Metekhkhem e Imad Lattaf", che hanno indossato la bandiera della Nonviolenza e dei Diritti umani. Ai due bambini, in rappresentanza di tutti i bambini del mondo ed in particolare dei bambini vittime di guerra, la Presidente del Movimento per la Pace Agnese Ginocchio ha consegnato la "Fiaccola della Pace" accesa per l'occasione anche questa volta per chiedere il "Cessate il Fuoco in Ucraina e in Medio Oriente e per invocare Pace tra Israele e Palestina, il riconoscimento dello Stato di Palestina, dei 2 Stati per i 2 popoli".

Importante il messaggio dell'Imam Moustafà che ha esortato a fare ogni sforzo per la Pace attraverso strade di dialogo. "Abbiamo il dovere di educare i nostri figli alla Pace, sempre con il nostro esempio perchè siamo tutti fratelli. La terra non è di nessuno, la terra è di Dio. Noi adulti dobbiamo smettere di farci male, le guerre si fanno per i soldi, ma chi ne va di mezzo sono vite umane e poveri bambini senza cibo e senza acqua. Nessuno può togliere la vita delle persone, solo Dio può farlo. Perchè la terra sia libera dalle guerre bisogna togliere la guerra dalla storia. Insegnare questo messaggio nella scuola, in famiglia e ovunque. Il nostro dovere è quello di far conoscere ai nostri fili solo il bene, la Pace e non il male ". Tra i presenti: Caterina Civitillo, Flora Bettino, Maria Antonietta De Pasquale, Nunzia De Nisio, Maria Rao, la già sindaca di Alife Maria Luisa Di Tommaso e l'Assessore alla cultura Luca Frattolillo .

Da parte dei partecipanti è stato declamato il messaggio diramato da Amnesty International per questa giornata, tra l'altro coincisa anche con la Giornata di digiuno per la Pace in Medio Oriente indetta da Papa Francesco. Un "Cenacolo di Pace" sotto la fiamma ardente della Fiaccola della Pace che ha illuminato la notte buia della storia in un'atmosfera surreale.

"La Pace è la strada e la risoluzione di tutti i problemi che affliggono il mondo". E' stato il messaggio conclusivo della serata. A tutti i partecipanti è stato consegnato il messaggio della 22esima giornata del Dialogo.

Sono oltre 8000 le vittime nella Striscia di Gaza cadute sotto i bombardamenti israeliani, oltre 3000 i bambini. Un massacro, una catastrofe umanitaria che va assolutamente fermata. Le mobilitazioni per fare pressione ai Governi e chiedere il cessate il fuoco continuano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiaccolata della pace: ogni strada possibile al dialogo

CasertaNews è in caricamento