Recale non rinuncia alla Festa in onore del Sacro Cuore di Gesù

Don Silvio: "Quest’anno assume un significato tutto particolare"

Don Silvio Verdoliva

Nonostante il riacutizzarsi dell’emergenza sanitaria, Recale non rinuncia alla Festa in onore del Sacro Cuore di Gesù, un’occasione in cui la comunità rinsalda le sue radici cristiane e ribadisce la propria identità culturale. Iniziata il 3 settembre, proseguirà fino a domenica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' una festa che il parroco della chiesa del Santissimo Salvatore, Silvio Verdoliva, ha voluto solo liturgica, recuperando l’antica tradizione di ritrovarsi intorno all’altare. "Quest’anno la festa – dichiara don Silvio – assume un significato tutto particolare, più familiare, più intimo. La pandemia ha creato una quotidianità che si sta delineando dura e, Dio non voglia, più incattivita. Siamo chiamati ad essere migliori scegliendolo, volendolo e rimanendo in Grazia di Dio. Oggi abbiamo bisogno di rimuovere ciò che non serve e prendere solo ciò che è utile per incontrare a tu per tu il Signore, senza intromissioni fuorvianti, perciò, oggi non ci è possibile festeggiare il Sacro Cuore di Gesù con la consueta solennità. Sicuramente vogliamo dare una presenza serena e fruttuosa che ci consenta di lodare e ringraziare il Signore, nel rispetto delle norme, ma eliminando comportamenti dissipati, festaioli e distraenti, cedendo il posto al silenzio. Vogliamo evitare l’inautenticità dei rapporti e – conclude don Silvio – favorire il raccoglimento e la contemplazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Troppi contagi: "Marcianise sarà dichiarata zona rossa"

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento