rotate-mobile
Attualità

Emergenza brucellosi, il ministro telefona a Fabbris dopo il malore

Martedì incontro a Roma. Pronto il commissario della Regione, il deputato Gallinella: “Accolta la mia richiesta”

Una telefonata da Roma è arrivata. Nella giornata di venerdì è squillato il telefono di Gianni Fabbris, portavoce del coordinamento unitario degli allevatori, che da più di 10 giorni sta portando avanti lo sciopero della fame in attesa che il presidente della Regione De Luca ed il ministro alla Salute Speranza accettino di incontrare i manifestanti casertani. V

enerdì, dopo il malore che lo ha colto in mattinata, Fabbris ha ricevuto la telefonata del ministro dell’Agricoltura Patuanelli  che, in risposta alla richiesta del Coordinamento, ha proposto un incontro per martedì 31 maggio alle ore 16 a Roma. Francesco Geremia, commentando la notizia per conto del Coordinamento, ha affermato: "Finalmente qualcosa si muove. Il Ministro dell'agricoltura ha risposto alla richiesta fissando l'incontro e questo è sicuramente un gesto importante ora ci chiediamo quanto altro dobbiamo aspettare per ottenere l'incontro con De Luca e Speranza, cui ci rivolgiamo ancora una volta sollecitandoli ad un gesto di ascolto delle istanze degli allevatori”. Proprio in tale ottica, il coordinamento ha inviato una lettera al ministro ed al governatore campano chiedendo i motivi del mancato incontro. Nella lettera si chiarisce che l'incontro è chiesto "non per avanzare richieste, elevare proteste, urlare rabbia, trattare su questo o quel punto di programma della ragnatela di norme che invece di risolvere i problemi li sta determinando e aggrava, ma per fare un favore a due massimi esponenti di governo offrendo loro il privilegio di incontrare direttamente gli allevatori e  in modo da capire dalla loro voce chi in realtà sono e se abbia ancora senso continuare a dipingerli come camorristi”. La lettera è stata inviata anche al prefetto di Caserta chiedendo il suo interessamento per facilitare la soluzione della vicenda tenendo conto sia delle espressioni che stanno crescendo nel territorio a sostegno dell'istanza, sia della decisione di Fabbris di non smettere lo sciopero della fame fino a quando ci saranno risposte.

Intanto una mossa della Regione Campania c’è stata: quella di nominare il generale Luigi Cortellessa quale commissario regionale per l’emergenza brucellosi negli allevamenti di bufale. “Non posso che esprimere la mia massima per la scelta del generale, che ha già rivestito, con onore e grande dedizione, la carica di comandante dei Carabinieri per la Tutela Agroalimentare sino allo scorso 4 maggio” ha commentato il deputato Filippo Gallinella (5 Stelle), presidente della commissione Agricoltura della Camera. “La mia richiesta, formalizzata nel giugno 2021, viene dunque finalmente accolta, non solo nel merito ma anche nel metodo. Per debellare la brucellosi c’è bisogno di mettere in campo tante azioni, con un coordinamento che un esponente delle forze armate come Cortellessa può fare superando ogni tipo di ingerenza o pressione, rimanendo slegato da dinamiche territoriali, collaborando con le autorità locali e fondando il proprio operato sulle conoscenze dell’attuale task force che, però, ha oggi poteri e margini di intervento limitati”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza brucellosi, il ministro telefona a Fabbris dopo il malore

CasertaNews è in caricamento