Sabato, 20 Luglio 2024
Attualità

Ricevono 6mila euro per un errore: "Non devono restituire i soldi"

A stabilirlo una sentenza del tribunale del lavoro di Santa Maria Capua Vetere

Ricevono 6mila euro dall’Inps per un errore ma per il giudice non devono restituire i soldi. È quanto stabilito da una sentenza del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. 

Gli eredi di P.N.T. si sono visti recapiare una richiesta dell'Inps di ripetizione della somma di 6.262,87 euro perché era stata liquidata una prestazione previdenziale in misura maggiore rispetto a quanto dovuto in base ad un errore di calcolo. Gli eredi si sono rivolti al giudice del lavoro, assistiti dall'avvocato Domenico Carozza, il quale ha sostenuto che, in base ad una corretta interpretazione delle leggi in vigore, in assenza di dolo e sussistendo l'errore dell'Inps, la somma percepita in più non doveva essere restituita. Il giudice ha accolto la tesi dell’avvocato Carozza e ha ritenuto illegittimo il provvedimento dell'Inps.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricevono 6mila euro per un errore: "Non devono restituire i soldi"
CasertaNews è in caricamento