I consiglieri di minoranza incalzano il sindaco: "Serve un Consiglio sull'emergenza Covid"

Diana, Capezzuto e Di Gaetano inviano una missiva a Russo e Marfella: chiesto un intervento anche per il problema piccioni al cimitero e la carenza idrica

Il consigliere di opposizione Giovanni Diana

"Nonostante le molteplici richieste rivolte al presidente del consiglio comunale e al sindaco, non abbiamo avuto la possibilità di svolgere un consiglio comunale monotematico per discutere dell’emergenza Covid-19 e di eventuali interventi a sostegno della collettività". A dichiararlo sono i consiglieri comunali di minoranza Giovanni Diana, Vincenzo Capezzuto e Gaetano Di Gaetano che hanno provveduto ad inviare una missiva al sindaco Vincenzo Russo e al presidente del consiglio comunale Maria Marfella.

"Considerato che il pericolo sanitario continua, è necessario continuare con la sanificazione frequente dei luoghi pubblici, ricordando che bisogna anche procedere alla normale disinfestazione antiparassitaria vista anche forte la calura estiva - sottolineano i tre consiglieri comunali nella missiva - E’ opportuno vigilare costantemente sulle persone che provengono da altri comuni e controllare tutte le situazioni che potrebbero essere fonti di contagio; concedere appositi spazi pubblici all'aperto, gratuitamente, così come avviene in tanti comuni, agli esercizi commerciali che né fanno richiesta, in modo da limitare gli assembramenti all'interno e svolgere la loro attività all'aperto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non meno importanti sono le altre necessità del paese che vogliamo ricordare - continuano - Persiste il problema dei piccioni nel cimitero. Avevamo ragione noi, l’effetto falco era solo scenografico ma non risolutivo. I piccioni invadono nuovamente le cappelle ed i viali del luogo sacro ancora più numerosi di prima. Continua inoltre il disagio causato dalla carenza idrica in alcune zone del paese. Il problema è particolarmente avvertito presso le abitazioni site in via De Gasperi, via Nenni, via Marchese, via Gramsci, via Aldo Moro. Nonostante i lavori del Consorzio Idrico, la situazione non è cambiata, anche in questo caso l’intervento non è stato risolutivo. E' necessario mettere in campo altre iniziative perché evidentemente la scarsa pressione non era causata solo dalle perdite della condotta", concludono Diana, Capezzuto e Di Gaetano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Coronavirus, 318 nuovi casi nel casertano: positivo il 20% dei tamponi

  • “Scuole riaperte da mercoledì”, ma De Luca spegne l’entusiasmo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento