Domenica, 24 Ottobre 2021
Attualità San Potito Sannitico

Elezioni. La lettera del sindaco: "Pronti a fare meglio per la Svizzera dell'Alto Casertano"

Imperadore scrive ai concittadini per chiedere ancora fiducia

“Quante volte mi avete sentito dire che la nostra San Potito dovrà diventare la piccola Svizzera dell’Alto Casertano? A conclusione di ben due mandati spesi a lavorare alacremente per la nostra piccola comunità, siamo pronti a fare meglio”. Inizia così la lettera che il sindaco di San Potito Sannitico Francesco Imperadore ha scritto per i suoi concittadini.

“Grazie al costante e sinergico lavoro di squadra attuato unitamente da tutto l'apparato amministrativo, ritengo infatti di aver pienamente realizzato parte degli obiettivi che un mandato consente di fare. Ritengo, invece, che la nostra squadra ha sempre avuto una marcia in più. Abbiamo fatto anche più di quanto noi stessi fossimo capaci di credere. Oggi San Potito è un paese diverso che può guardare lontano, molto lontano. Con profilo basso e senza proclami tanti sono stati gli obiettivi raggiunti, tanti i progetti in cantiere in attesa di finanziamenti e lavori programmati e/o avviati da portare a termine. Il nostro paese, ha bisogno di questa continuità per far sì che non sia vanificato l’onesto lavoro fatto dalla mia amministrazione”.

Poi aggiunge: “Siamo un’ottima comunità. Abbiamo superato non poche difficoltà in questi anni e la cosa più bella, quella che ci ha contraddistinto, che m’inorgoglisce, è stata scoprire quanto sappiamo essere uniti Per il Bene Comune. San Potito ha sempre avuto un’identità territoriale molto forte, esemplare. E perciò una piccola comunità come la nostra deve sempre di più diventare il fiore all’occhiello del Matese. Abbiamo un patrimonio culturale, paesaggistico e umano da valorizzare. Sempre. Tutti insieme. Noi dobbiamo fare bene il lavoro di amministratori, dobbiamo saper non perdere nessuna opportunità di sviluppo e non dobbiamo mai lasciare indietro nessun cittadino, anzi, dobbiamo fare in modo che soprattutto gli ultimi diventino la priorità. Alcune risorse su tutte sono e saranno sempre la strada maestra da seguire: il patrimonio storico artistico, quello paesaggistico e i prodotti agroalimentari locali. I potitesi sono persone umili e forti. Noi siamo pronti a fare meglio con umiltà e forza”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni. La lettera del sindaco: "Pronti a fare meglio per la Svizzera dell'Alto Casertano"

CasertaNews è in caricamento