Regionali 2020. Bosco e Mastella presentano gli 8 candidati: "Il progetto continuerà anche dopo le elezioni"

La lista 'Noi Campani' si presenta alla città: "Abbiamo escluso dal progetto persone che volevano sfruttarci, come un taxi, per arrivare a qualcosa di personale"

I candidati di 'Noi Campani' per la circoscrizione di Caserta

Autonomia politica rispetto alla centralità dei partiti e questione meridionale al centro dell'agenda di governo. Sono questi i principali motivi che hanno portato alla formazione di 'Noi Campani' - la lista a cui hanno lavorato il sindaco di Benevento Clemente Mastella e il consigliere regionale Luigi Bosco - che scenderà in campo per le prossime elezioni regionali a sostegno dell'attuale governatore Vincenzo De Luca. Si è tenuta quest'oggi, presso il Vovo Pacomio a Caserta, la presentazione degli otto candidati per la circoscrizione casertana: Davide Guida, Liliana Trovato, Orlando De Cristofaro, Caterina Sagliano, Fortunato Griffo, Agostino Stellato, Maria Luigia Iodice e Gianluigi Santillo.

Tanta voglia di fare e soprattutto di dare forza e carattere alla Regione Campania. E questo grazie ad un'organizzazione pesante nelle convinzioni ideologiche. È quanto emerso dalla conferenza stampa di presentazione di 'Noi Campani'. "È una lista che ci invidiano tutti e di cui siamo orgogliosi, poiché rappresenta le varie aree della provincia di Caserta - ha affermato Luigi Bosco - Ora tocca lasciare la parola ad una campagna elettorale inusuale, ai tempi del Covid. Dobbiamo essere più convincenti possibili perché non sappiamo come possono rispondere i cittadini dopo questa emergenza coronavirus. Questa squadra sono convinto porterà a casa un grandissimo risultato".

'Noi Campani' non sarà una semplice lista solo per le elezioni. "Il nostro è un laboratorio politico anche per il dopo, non una lista solo per le regionali - ha chiarito Bosco - Vogliamo persone che credono nel progetto e non che vogliono sfruttare il progetto, come se fosse un taxi per arrivare a qualcosa di personale". Poi sui motivi della sua non candidatura: "Penso che la politica debba dare messaggi nuovi, bisogna dimostrare di essere diversi e innovativi - ha sottolineato Luigi Bosco - Ho scelto per questo di fare un passo di lato e di fare il regista non il candidato. Mi auguro che chi prenderà il mio posto porterà avanti le mie battaglie su turismo e commercio".

A fargli eco è stato Clemente Mastella che ha affermato: "Il nostro progetto non si ferma alle regionali. La destra e la sinistra sono molto fragili: la prima sovranista, la seconda molto frammentata. Dobbiamo dunque utilizzare questo spazio politico che si è venuto a creare nel Paese. Speriamo di essere una piccola attrattiva che parta dalla Campania e si estenda in tutto il resto d'Italia". "Sono convinto che il quorum calerà notevolmente: voterà meno del 50% alle prossime elezioni regionali. Dunque bisognerà compattarsi ed essere quanto più affiatati possibili in campagna elettorale. La lista qua a Caserta è molto buona e so bene che i candidati di Benevento rischiano".

Poi la stoccata a Matteo Salvini sul mancato utilizzo della mascherina: "Ho visto che é venuto qui a Caserta a fare il gradasso - ha dichiarato Clemente Mastella - Chi fa leggi non può non rispettarle. E le leggi le fa sia chi è in maggioranza che chi è in opposizione. Lui non ha messo la mascherina ed è stato multato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • L'abbandono, poi le lacrime e l'abbraccio: 'C'è Posta per Te' riunisce padre e figlio del casertano

  • Blitz di Luca Abete, scoperta scuola che offre punteggio ai prof in cambio di soldi I VIDEO

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Un boato in pieno coprifuoco: bomba esplode davanti a tabacchi

Torna su
CasertaNews è in caricamento