Regionali 2020. 'Democratici e Progressisti' presenta gli 8 candidati

Alla conferenza presenti anche l'ex deputato Salvatore Vozza, il candidato sindaco di Marcianise Alessandro Tartaglione e il consigliere comunale di Caserta Antonello Fabrocile

La conferenza stampa di presentazione delle lista 'Democratici e Progressisti'

Si è tenuta nella sala convegni dell'Hotel Pisani a San Nicola la Strada la conferenza di presentazione degli otto candidati per la circoscrizione di Caserta alle prossime elezioni regionali con la lista 'Democratici e Progressisti', a sostegno dell'attuale governatore Vincenzo De Luca. Una discussione partecipata e innovativa, a cui hanno partecipato insieme ai candidati anche l'ex deputato Salvatore Vozza, il candidato sindaco di Marcianise Alessandro Tartaglione, il consigliere comunale di Caserta Antonello Fabrocile e il delegato della Confederazione di Imprese Pmi International Franco Parente.

L'obiettivo di 'Democratici e Progressisti' è quello di porsi come forza propositiva e di stimolo nel prossimo consiglio regionale, per aiutare a potenziare ciò che di positivo è stato fatto negli ultimi cinque anni e per raddrizzare le storture del recente passato. "A fronte di un processo di costruzione della coalizione che rischiava di smarrire l'identità del centrosinistra, una presenza progressista diventa fondamentale - si legge in una nota di 'Democratici e Progressisti' - Lavoro, ambiente, sanità, beni comuni e molto altro ancora. Il programma di lista è corposo e verrà presentato nei prossimi giorni. Inoltre vi sarà una grande attenzione alle istanze e specificità del territorio, come già dimostrato dalla discussione di stamattina e dalle parole dei candidati".

Il generale Roberto De Micco, capolista nella provincia di Caserta, ha evidenziato "la necessità di un coordinamento strategico a livello regionale per garantire che l’utilizzo dei prossimi fondi europei sia finalizzato allo sviluppo di idee e di progetti in grado da generare occupazione e non solo assistenzialismo temporanno". L'ingegnere Nicola Rennella ha individuato "i bisogni infrastrutturali e sanitari della provincia di Caserta", mentre la dottoressa Pasqualina Ferraro ha segnalato "la necessità di un atto legislativo regionale in favore del settore bufalino, già messo gravemente in difficoltà dalle nuove norme emesse in risposta all'annoso problema dei focolai di brucellosi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento